F1 | Hamilton spinge per avere una tappa africana: “Avere un GP Africa ci renderebbe completi”

Lewis Hamilton crede che la F1 si possa definire completa solo quando avrà in calendario un GP Africa, il quale non si disputa da quasi 30 anni

F1 GP Africa Hamilton
Il circuito di Kyalami – credits: pinterest

Lewis Hamilton spinge affinché la F1 possa tornare a correre un GP Africa, un continente che manca all’appello da quasi 30 anni. Data la voglia di F1 di continuare ad avere in calendario 23 gare, per il 2023 si sta pensando ad un inserimento di un GP nel continente africano. Il pilota della Mercedes crede che solo a quel punto la F1 si possa definire completa: “A questa F1 manca un GP Africa. Corriamo in tutti gli altri continenti, ma manca quello africano. Spero che nel breve periodo si possa risolvere questa situazione ed avere buone notizie. Correre in Africa renderebbe completo il Circus.”


Leggi anche: F1 | Fernando Alonso su Mick Schumacher: “Mi ricorda suo padre”


 

L’ultima gara si è disputata nel 1993 a Kyalami, a circa 25 chilometri dalla città di Johannesburg. Il vincitore fu Alain Prost su Williams, secondo all’arrivo Ayrton Senna su McLaren e terzo Mark Blundell su Ligier. Fu uno dei GP con meno piloti all’arrivo, infatti in solo 7 tagliarono il traguardo sui 26 partecipanti alla gara. La gara sancì l’esordio in F1 per Rubens Barrichello, Michael Andretti e Luca Badoer.

Ci sono state varie trattative sul tavolo, tornare a Kyalami sicuramente, ma si ipotizzava anche una gara notturna a Cape Town o correre in Marocco. Nessuno di questi progetti andò avanti per mancanza di fondi.

Warren Scheckter, nipote del campione di F1 Jody Scheckter e direttore esecutivo di SAGP – la società che vuole organizzare un GP in Sud Africa – anticipa che il prossimo anno riprenderanno i colloqui:Far tornare in classe regina il GP Africa è uno dei nostri obiettivi e dal 2022 ricominceremo con le discussioni.” A sostegno di ciò si inserisce Chloe Targett-Adams, direttore della promozione e delle relazioni commerciali della F1, che funge da collegamento tra Stefano Domenicali e gli organizzatori della gara in Sud Africa, afferma come sia una delle priorità del Circus riportare una gara nel continente africano nel più breve tempo possibile.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter