F1 | Hamilton sui set up Mercedes: “Saremo più prudenti”

Lewis Hamilton ha dichiarato di aspettarsi da Mercedes un approccio più cauto sugli esperimenti per il resto della stagione di F1.

Hamilton Mercedes F1
Il pilota della Mercedes, Lewis Hamilton, prima del via del GP del Canada di F1 – Credits: Motorsport.com

Con il porpoising a tormentare la W13 fin da inizio stagione, Mercedes F1 ha optato per diversi assetti sperimentali nel corso delle prove libere quest’anno, con Lewis Hamilton spesso diretto interessato di questi test. Forte della sua esperienza, l’inglese ha, infatti, dato quasi sempre il primo feedback sulle novità introdotte dalla squadra.

Proprio nelle prime prove libere del GP del Canada, Hamilton ha dichiarato che avrebbe “testato qualcosa di estremo. Al termine della sessione, tuttavia, l’inglese non era parso per nulla soddisfatto delle novità introdotte sulla W13, definendole “un disastro”.

Intervistato da Autosport, Hamilton ha scherzato sul ruolo di “cavia” svolto in questa prima parte di stagione.

Magari nella seconda parte di stagione se ci saranno degli esperimenti da fare toccherà a George!”.


Leggi anche: F1 | Alfa Romeo è contenta del rendimento di Zhou nella sua prima stagione in Formula 1


In ogni caso, il campione inglese auspica un approccio più cauto da parte della squadra per il resto del campionato.

In futuro credo che saremo più cauti con gli esperimenti. Quando ti resta una sola sessione asciutta a causa della pioggia, dover provare le novità in quell’unica prova può essere un ostacolo”, ha affermato al termine del GP del Canada.

L’inglese guarda ora fiducioso verso la prossima tappa del mondiale, il suo gran premio di casa, a Silverstone.

Spero solo di poter continuare a lottare con loro”, ha affermato, riferendosi a Verstappen e Sainz con cui ha condiviso il podio.

In Canada, dopo la Safety Car, ho sperato di poterli seguire fino alla fine, ma erano troppo veloci. Ma ci arriveremo, ho fiducia”, ha concluso.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Jacopo Moretti

Studente di Giurisprudenza, classe 1998. Appassionato di Formula 1 e del Motorsport.