F1 | Hamilton: “Verstappen ha bisogno di un compagno di squadra più forte”

Verstappen è nettamente più forte del proprio compagno di squadra, Alex Albon. Secondo Lewis Hamilton il gap tra i due piloti Red Bull sta limitando la potenzialità del team nella lotta contro le Mercedes. Horner però difende le prestazioni di Albon.

hamilton verstappen
Credits Indipendent

 

Per Lewis Hamilton, fresco vincitore del Gran Premio del Belgio, Max Verstappen avrebbe bisogno di un compagno di squadra più forte.

Al momento dopo sette gare, l’unico pilota che riesce a star dietro alle due Mercedes è Max Verstappen. La sua Red Bull è la più competitiva dopo le due Mercedes. Non si può dire la stessa cosa dell’altra Red Bull, quella di Alex Albon. Il divario tra le due Red Bull è netto.

Leggendo la classifica piloti, dopo sette gare, troviamo Max Verstappen secondo nel campionato piloti, 47 punti dietro Hamilton. Alex Albon è ben 62 punti dietro il suo compagno di squadra. Anche nelle qualifiche Albon è stato sempre battuto dal compagno di squadra, qualificandosi diverse posizioni dietro.

Secondo Hamilton questo gap sta limitando la potenzialità della Red Bull anche in ottica classifica costruttori.

Penso che le Red Bull abbiano una macchina molto buona: la gente la minimizza, ma ha una macchina molto, molto forte“, ha detto Hamilton a Sky. “Max Verstappen sta facendo un ottimo lavoro”.

Purtroppo entrambi i piloti non sono come me e Valtteri Bottas. L’ho sperimentato molti anni fa quando ero alla McLaren: ero il pilota più veloce e non avevo un compagno di squadra di supporto. In questo modo non si ottengono punti per la classifica costruttori, non si possono fare strategie di squadra. Ciò che hanno adesso è Verstappen più davanti, ma solo”, ha concluso Lewis Hamilton.

La replica di Christian Horner

All’inizio del fine settimana il team principal della Red Bull Christian Horner ha difeso le prestazioni di Albon, che è entrato a far parte del team prima del Gran Premio del Belgio 2019 anno in sostituzione di Pierre Gasly.

Tutti ovviamente hanno un’opinione su questo argomento, ma non conoscono davvero i fatti“, ha detto Horner. “Alex sta facendo un buon lavoro, tenendo conto delle difficoltà della monoposto. È un’auto diversa rispetto all’anno scorso, direi che la macchina è più difficile da guidare rispetto a 12 mesi fa”.

Quando è arrivato alla Red Bull un anno fa, è stato più forte di quanto lo sia stato  Pierre fino a quel momento nell’anno. Penso che Alex abbia un sacco di talento che ovviamente non abbiamo ancora visto emergere in superficie”.

“Hamilton è costato ad Albon una potenziale vittoria in Austria”. ha detto Horner “Domenica è stato veloce, ma ha lottato con la macchina in un solo giro. E, naturalmente, Max è stato così bravo dall’ottenere il massimo dalla macchina”.

Ripensate ad alcuni dei grandi piloti, che si tratti di uno Schumacher  o di un Senna. Essere compagni di squadra di piloti così forti deve essere stato davvero molto difficile. Penso che il compagno di squadra di Max Verstappen stia vivendo una situazione simile”.

Alex sta migliorando. È ancora piuttosto giovane e inesperto. Questa è solo la sua seconda stagione in F1 e stiamo facendo tutto il possibile per sostenerlo e svilupparlo.”

Horner ha sottolineato che i risultati di Albon sarebbero stati migliori quest’anno se non fosse stato eliminato dal secondo posto da Hamilton nel Gran Premio d’Austria di apertura della stagione.

Questo è un pilota che ha quasi vinto la prima gara dell’anno. Strategicamente siamo stati taglienti, ovviamente è stato colpito da Lewis in quella gara. Stava lottando per il podio e avrebbe dovuto essere sul podio in Brasile alla fine dello scorso anno [quando Hamilton lo ha colpito].

Penso che avrà più domeniche come quella nelle prossime gare in cui ci sarà più lotta e competizione per il podio. Quindi, la squadra ha fiducia in lui, crede in lui e siamo contenti della nostra scelta“.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Orari del Week End: GP Italia 2020 – Anteprima e orari TV su Sky e TV8 [F1, F2, F3]

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.