F1 | Helmut Marko a Sky Germania: “Vogliamo trovare un motore alla Red Bull entro novembre”

Intervenuto ai microfoni di Sky Germania, Helmut Marko ha dichiarato che la Red Bull vuole trovare il proprio motore per il 2022 entro novembre.

marko motore red bull
Christian Horner (Red Bull), Seiji Kuraishi (Honda) e il Dr Helmut Marko (Red Bull) prima del GP della Cina – Foto Red Bull Content Pool

L’addio di Honda alla Formula 1 al termine del 2021 è ormai cosa fatta. Il costruttore giapponese ha scelto, in modo inaspettato, di lasciare la categoria regina per voltare il proprio interesse verso altri lidi. Così facendo la Red Bull è costretta a guardarsi intorno per trovare un nuovo motore; a riguardo ha parlato Helmut Marko.

L’ex pilota austriaco è stato intervistato dalla redazione tedesca di Sky Sport F1. Marko ha così parlato: “Dopo il rifiuto di ieri da parte della Mercedes ci rimangono tre possibilità”.

“Vogliamo risolvere la questione – continua l’uomo della Red Bull – entro la fine di novembre. Abbiamo al vaglio tre opzioni, sembrano buone, ma nessuna delle tre sarà una scelta facile“.

La scelta di Honda ha lasciato ovviamente spiazzato il team austriaco di Mateschitz. Helmut Marko ha parlato di tre possibilità in corso di valutazione da parte dei vertici della squadra di Horner.

Le possibili opzioni per la Red Bull

Ma quali potrebbero essere le tre possibilità? Escludendo Mercedes, che proprio ieri ha rifiutato di fornire i motori alla Red Bull, le tre opzioni sono potenzialmente molto curiose.

La Red Bull potrebbe tornare al passato? La motorizzazione Renault sembra essere la scelta più logica per il team di Milton Keynes. L’incognita è rappresentata dalla rottura, piuttosto burrascosa, del precedente sodalizio tra RB e Renault.

Dopo anni di dominio e di vittorie il motorista francese non si lasciò benissimo con Horner e Marko, con il nuovo CEO De Meo però le cose potrebbero cambiare.

La seconda opzione potrebbe essere costituita da un possibile approdo di Red Bull nella produzione di power unit. Un motore firmato e prodotto interamente da Red Bull sarebbe davvero una svolta nella storia del team anglo-austriaco, mai in F1 come costruttore di unità motrici.

L’ultima possibilità, a rigor di logica, sarebbe tanto incredibile quanto affascinante e porterebbe il nome di Ferrari. Nei giorni scorsi Binotto ha aperto alla possibilità di fornire motori alla Red Bull, ma sarebbe davvero un colpo di scena.

Un team come Ferrari, impegnato ad aprire un ciclo vincente dal 2022, sarebbe davvero disponibile a costruire power unit per una diretta concorrente al titolo mondiale?

Dopo le dichiarazioni sul motore di Marko, su quale opzione ricadrà la scelta della Red Bull, ci saranno altre possibilità da valutare?

 

Seguici anche su Instagram

 

Crozza é Binotto: “Il nostro motore ha pochi cavalli, nella fredda Germania ci faremo trainare dai cani” [VIDEO]

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.