F1 | Helmut Marko ammette: “Non voglio perdere Gasly.”

Il contratto che lega Pierre Gasly alla Red Bull scadrà nel 2023. Tuttavia, Helmut Marko, consulente della Red Bull, sta valutando la possibilità di promuoverlo (nuovamente) nel team.

Helmut Marko Red Bull
Credit: unknown

Il contratto di Pierre Gasly che lo lega alla famiglia Red Bull terminerà nel 2023, salvo, ovviamente, eventuali rinnovi. Un connubio che dura sin dagli inizi della carriera del francese e che, nel 2017, gli permise di debuttare in Formula 1 con la Toro Rosso (attuale Alpha Tauri), “sorella minore” della Red Bull. Dopo due anni, nel 2019, grazie alle sue buone prestazioni e al mancato rinnovo di Ricciardo, Pierre Gasly divenne pilota titolare della Red Bull. Tuttavia, l’esperienza del francese nel team austriaco fu così tanto deludente che, a metà campionato, Helmut Marko e la Red Bull decisero di sostituirlo con Alexander Albon. Il ritorno di Gasly in Toro Rosso, però, mise nuovamente in luce le sue vere capacità, tanto che nel GP del Brasile conquistò un clamoroso secondo posto. Nell’anno successivo, con la Toro Rosso rinominata Alpha Tauri, riuscì nell’impresa di vincere il GP d’Italia, a Monza.

Ora, a distanza di due anni, le prestazioni di Gasly con il team di Faenza hanno più volte fatto presagire di un suo ritorno con il team di prima linea. Tuttavia, dopo che Sergio Perez è salito nell’abitacolo della Red Bull, le speranze del francese sono di volta in volta diminuite, visti gli ottimi risultati portati dal pilota messicano. Helmut Marko, consulente Red Bull, sta comunque valutando l’opzione di offrirgli la promozione perché ha dichiarato di non volerlo perdere. “Ha un contratto ancora fino al 2023. Se questo contratto scade e non gli possiamo offrire una possibilità di promozione, molto probabilmente lo perderemo. Io non voglio perderlo”, ha ammesso Marko. “Al momento abbiamo ancora un contratto con Checo e dobbiamo confrontare le prestazioni di questi due piloti. Con Checo abbiamo ancora tempo fino a metà anno.”


Leggi anche: F1 | Gara al sabato: Il GP di Las Vegas non si disputerà di domenica e non è la prima volta nella storia


La situazione per Helmut Marko e, in generale, in casa Red Bull, dunque, non è delle migliori. Il team austriaco rischia di perdere uno tra Gasly e Perez. Entrambi hanno messo in mostra le loro abilità di guida e non sarà sicuramente facile scegliere. Tuttavia, con un Perez così, capace di mettersi alle spalle persino in qualifica un mastino come Max Verstappen, per Gasly sarà davvero dura.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Michele Guacci

Classe 2003, studente ed appassionato di F1 sin dall'infanzia.