F1 | Helmut Marko: “Dopo anni di umiliazioni da Mercedes ora possiamo contrattaccare”

Helmut Marko, intervistato dalla Bild, ha rilasciato diverse dichiarazioni sull’inizio di questa stagione e sulla sfida con la Mercedes.

Helmut Marko mercedes

Erano tanti anni che non vedevamo una lotta così serrata tra due scuderie diverse, una lotta che sta facendo letteralmente impazzire tutti i tifosi. Dopo esser transitato in prima posizione nel GP di Montecarlo, Max Verstappen, per la prima volta nella sua carriera, è diventato leader del mondiale. Inoltre questo risultato ha portato in vetta alla classifica la Red Bull anche nel campionato costruttori, una vetta della classifica che mancava dal lontano 2013. Alla domanda sul come mai la Red bull stia ancora battendo Hamilton e la Mercedes, Helmut Marko, intervistato dai tedeschi della Bild, ha risposto così: “Perché Max appartiene ad una generazione più giovane. E’ una lunga stagione, spero che abbia più riserve, anche se Hamilton ha disputato gare incredibili quest’anno”. Il dirigente della scuderia austriaca ha infatti sottolineato più volte le capacità del 7 volte campione del mondo, definendolo come miglior pilota al momento. “Con la sua esperienza, Lewis Hamilton è il migliore. Lui va dritto al punto. Poi ci sono i due piloti giovani Leclerc e Verstappen”.


Leggi anche: F1 | Masi: “Valutiamo regola Indycar per chi causa bandiera rossa in qualifica”


Helmut Marko, inoltre, si è espresso anche sul secondo pilota Perez, dato che nella lotta iridata sarà di fondamentale importanza anche lui. Il messicano, però, non è stato risparmiato dalle critiche: Il fattore decisivo è il nostro secondo pilota Sergio Perez. Finora è stato semplicemente troppo debole in qualifica. Fosse stato alla pari con Bottas, non credo che la Mercedes avrebbe fatto la doppia sosta in Barcellona. Questo, attualmente, è il nostro più grande handicap. Tutti noi abbiamo solo due macchine“.

Infine Marko non nasconde la sua contentezza nel vedere la Red Bull di nuovo dominatrice: Siamo stati umiliati dalla Mercedes per sette anni, inseguendo senza successo il titolo. Ora vediamo la possibilità di contrattaccare. Mobiliteremo tutte le riserve e le possibilità per raggiungere questo obiettivo”.

Seguici anche su Instagram

Michele Guacci

Studente al 4° anno di liceo scientifico. Appassionato di F1 sin da piccolo.