Formula 1

F1 | Helmut Marko prova a sminuire la Ferrari, ma un fattore “è impressionante”

Ferrari in vetta sul giro secco in Australia, ma Helmut Marko minimizza: c’è un altro fattore che preoccupa il consulente della Red Bull.

Melbourne è il palcoscenico del terzo appuntamento iridato della F1. Helmut Marko osserva una scintillante Ferrari nel venerdì in Australia, minimizzando le prestazioni sul giro secco, ma mostrando preoccupazione per il passo gara.

f1 australia ferrari melbourne redbull red bull marko helmut horner verstappen leclerc sainz
Foto: Clive Rose/Getty Images – Foto Copertina: Mark Thompson/Getty Images

Agile partenza nel weekend di Albert Park per la Ferrari: il Cavallino fa sperare, per Sainz la pole può essere un reale obiettivo, mentre Helmut Marko sminuisce la simulazione di qualifica. Il consigliere della Red Bull analizza a fine giornata i valori in campo, posizionando la “sua” squadra nella penombra di un assetto ancora imperfetto.

Non solo, nelle seconde prove libere l’attività di Max Verstappen è stata condizionata da un errore nelle FP1: “Ha toccato un cordolo. Quel contatto ha causato un danno relativamente importante: è questo il motivo per cui siamo scesi in pista tardi.”


Leggi anche: F1 | Che Ferrari in Australia: Sainz crede nella pole nonostante la forma fisica


“Abbiamo perso tempo prezioso“, ammette Marko. Il classe ’43 originario di Graz riflette su una ricerca del giusto bilanciamento ancora in corso: “Dobbiamo apportare miglioramenti. La vettura non è male, ma Leclerc ha imposto un passo che richiede un importante affinamento del setup da parte nostra.”

Il ritmo di qualifica non ha tuttavia impressionato il mentore di Max Verstappen. Marko prova a sminuire la performance di Leclerc, primo con margine nelle FP2: Penso che la Ferrari abbia svolto la simulazione di qualifica a massima potenza. Noi no, ribatte Marko. “Questo è il motivo per il quale non ritengo preoccupanti i tre decimi di divario.”

Sul giro secco la Ferrari c’è, ma non impressiona Marko. L’austriaco mostra maggior preoccupazione per quanto visto sulla simulazione gara, da sempre punto di forza di Milton Keynes. L’80enne ai vertici della Red Bull ammette: “Ma il loro long run è stato davvero impressionante. Il nostro setup non è ancora a posto.”

“Penso che stiamo andando nella giusta direzione con l’assetto, ma quei 15 minuti perduti ci dicono che il setup non era quello che avevamo immaginato.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.