F1 | Honda continua a sviluppare la Power Unit Red Bull per il 2022

Honda sta lavorando sulla power unit che la Red Bull dovrà congelare per il triennio 2022- 2024. I tecnici stanno sviluppando il motore perché resti competitivo anche con l’adozione del carburante bio E10 che verrà introdotto in F1 dal prossimo campionato.

Honda Red Bull 2022
Credits: motorsport.com

Honda e Red Bull lavorando duramente per vincere mondiale 2021. Ma l’attenzione dei tecnici giapponesi di Sakura è orientata anche al 2022, quando abbandonerà ufficialmente la Formula 1.

Il team di Milton Keynes ha iniziato bene il 2021. Max Verstappen ha ottenuto la pole position n Bahrain e la vittoria nel GP del Made in Italy e dell’Emilia Romagna. Red Bull conta sull’apporto che la Honda saprà dare alla power unit 2022. Questa verrà congelata poi per un periodo di tre anni.
L’esigenza, quindi, è di arrivare all’inizio del prossimo campionato con un motore competitivo visto che gli altri Costruttori si sforzeranno al massimo per una PU che dovrà avere una vita molto lunga e che adotterà a livello di regolamento, un nuovo carburante E10. Cioè una benzina con una miscela al 10% di etanolo sostenibile.
Il cambio di carburante, ovviamente, imporrà un adattamento dei motori per non intaccare le prestazioni. Ed è in quest’area che Honda sta lavorando sodo per aiutare la Red Bull.

Le parole di Horner

La sfida più grande per tutti i costruttori nel 2022 sarà l’introduzione del nuovo carburante. La Honda, quindi, cercherà di sviluppare la power unit affinché possiamo arrivare al congelamento nel miglior modo possibile. A Sakura stanno lavorando sodo in questa direzione. Erediteremo alcuni tecnici dalla Honda, ma siamo assolutamente impegnati a cercare le persone giuste per costruire un gruppo di lavoro competitivo”.
Red Bull ha intenzione di prodursi un proprio motore nel 2025 e per questo sta ingaggiando dalla Mercedes Ben Hodgkinson come nuovo direttore tecnico.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Webber: “Vettel? L’esperienza in Ferrari lo ha distrutto. In Aston Martin deve ritrovare fiducia e passione”

 

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.