F1 | Horner a sorpresa: “RedBull prese in considerazione l’idea di passare alla Power Unit Ferrari”

Christian Horner, boss Red Bull ha fatto un’affermazione interessante: insieme al suo team, avrebbero preso in considerazione di passare alla Power Unit Ferrari.

Ferrari power unit horner
Motor box.com

Christian Horner a sorpresa: Red Bull, dopo l’addio di Honda, avrebbe preso in seria considerazione la possibilità di collaborare con Ferrari per una nuova Power Unit.
Era lo scorso anno, nel periodo del GP del Nürburgring, che Red Bull, ben consapevole che Honda avrebbe lasciato la truppa, era alla ricerca di un nuovo motorista con cui, idealmente, collaborare. Per molti, la scelta più probabile era quella di ricongiungersi con Renault. Impossibile, si diceva, che RedBull accettasse l’aiuto di una delle acerrime rivali: Ferrari. Vero è che c’era un regolamento tecnico a evidenziare le garanzie affinché Red Bull avesse un motore nel 2022. Sarebbe stato uno tra Renault e Ferrari, nel caso in cui a giugno di quest’anno la situazione fosse stata ancora di stallo.

“La cosa più naturale era intrattenere delle discussioni con i fornitori esistenti. Con Mercedes c’è stata una discussione molto breve e Toto ovviamente non era particolarmente disponibile”, spiega Christian Horner a Beyond The Grid. “Nel caso di Renault, le loro ambizioni come squadra non contemplavano la fornitura di un team come Red Bull. Probabilmente fu la Ferrari la più disponibile. Abbiamo intrattenuto delle discussioni esplorative, però, per essere un team cliente, dovevamo accettare tutte le integrazioni; in particolare con i nuovi regolamenti in arrivo sarebbe stata una pillola amarissima da ingoiare”. Lo stesso Binotto, non rifiutò mai apertamente l’idea.


Leggi anche

F1 | McLaren, Aston Martin e Alpine preoccupate per la frizione in vista delle qualifiche sprint: a rischio le FP1 a Silverstone?


Il progetto Red Bull Powertrains

“Allora, iniziammo a esplorare la possibilità: e se affrontassimo questa sfida direttamente nel mondo Red Bull e verificassimo se riusciamo a trovare un accordo nel prossimo futuro con Honda? Si tratta di un grande passo, prendere le redini del nostro destino come fornitore di motori e portare tutto sotto un unico tetto a Milton Keynes. Ci avrebbe reso l’unico team, oltre la Ferrari, ad avere tutto all’interno di un’unica struttura, spiega Horner. Da lì, è iniziata un’intensa campagna acquisti da parte di RedBull, che ha assoldato ingegneri e tecnici Mercedes. Evidentemente in prospettiva 2025 e  con un progetto di power unit firmato Red Bull Powertrains.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.