F1 | Horner: “Il pit-stop lento di Verstappen è stato causato dalle nuove regole FIA”

Il team principal della Red Bull Christian Horner ha rivelato che il pit-stop lento di Verstappen nel GP d’Italia è stato causato da un errore umano, derivato dalle nuove direttive della FIA sulle soste ai box. “Tuttavia è qualcosa da cui dobbiamo imparare” afferma.

HORNER verstappen
Credits Red Bull Facebook

Dopo quasi una settimana dal Gran Premio d’Italia, Christian Horner parla del lentissimo pit-stop di Verstappen e dei motivi che l’hanno causato.

Alla fine di giugno la FIA aveva informato i team che avrebbe introdotto cambiamenti nelle regole per le soste ai box. I cambiamenti avrebbero rallentato i pit-stop per ragioni di sicurezza, rimuovendo in alcune fase sistemi automatici. Il team principal della Red Bull Horner aveva dichiarato che tale scelta avrebbe rovinato i tempi raggiunti dai team in materia di cambio gomme.

Dunque la FIA ha reso effettivi i cambiamenti al Gran Premio del Belgio, dopo la pausa estiva. Nel GP d’Italia la Red Bull, che molto spesso è la più veloce ai box, ha faticato a completare il pit-stop di Verstappen. Per un problema all’anteriore destra la sosta si è prolungata dai soliti due secondi a ben undici secondi.

Ovviamente questo ritardo ha permesso a Lewis Hamilton di recuperare sull’olandese, e ha portato poi all’incidente alla Prima Variante. Dopo la gara Horner ha dichiarato che il pit-stop lento è stato un problema insolito e che il team avrebbe indagato le cause. Ora ha rivelato che l’errore è stato causato dalle direttive tecniche della FIA.

Il team principal della Red Bull ha affermato: “C’è stato un errore umano, risultato dalle nuove direttive, ma nonostante ciò è qualcosa da cui dobbiamo imparare. La lenta sosta ai box ha cambiato la posizione in pista di Verstappen. Mercedes ha peggiorato la situazione a causa di un ritardo ai box per Hamilton. Quando l’inglese è tornato in pista, lui e Max erano molto vicini”.


Leggi anche: F1 | Hamilton-Verstappen: la ricostruzione (e l’analisi) 3D dell’incidente di Monza [ VIDEO ]


La conseguenza di tutto ciò è stato il contatto che ha poi deciso di fatto l’esito della gara. Inoltre gli stewards hanno dato una penalità di tre posizioni in griglia per il GP di Russia a Max Verstappen.

Horner ha subito dichiarato che entrambi i piloti potevano concedere più spazio, e non ha cambiato idea. Pensa che la FIA avesse dovuto prendere una posizione più forte e penalizzare anche Hamilton.

Su questo afferma: “Ho ancora oggi la stessa convinzione: dovevano penalizzare sia Max sia Lewis. Ma gli stewards hanno ritenuto più colpevole il nostro pilota e gli è stata comminata una penalità di tre posizioni, che accettiamo, dal momento che non ha concluso la gara”.

Ma Horner non pensa che la penalità sarà un handicap a Sochi vista la grande distanza dalla partenza alla prima frenata, ma crede che la Mercedes sarà forte come a Monza.

Ha dichiarato: “Stavo guardando i risultati del Gran Premio di Russia 2018: Max è staro in grado di rimontare dall’ultima posizione prima di fare il suo pit-stop. Eravamo secondi l’anno scorso, ma è un circuito dove non abbiamo mai vinto. È da sempre un ‘feudo’ della Mercedes. Io reputo Monza e Sochi circuiti dove la Mercedes è più forte: sarà quindi una grande sfida”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter