F1 | I danni degli incidenti nel GP d’Ungheria ammontano a più di 4 milioni di euro

Ce lo si poteva già immaginare dalle prime immagini, ma ora arrivano conferme. I danni causati alle monoposto ritrovantesi nell’incidente all’apertura del GP d’Ungheria ammontano a circa 4 milioni di dollari.

Danni Ungheria 4 milioni
Fonte: Soymotor

Ce lo si poteva già immaginare dalle prime immagini, ma ora arrivano conferme. I danni causati alle monoposto ritrovantesi nell’incidente all’apertura del GP d’Ungheria ammontano a circa 4 milioni di dollari. In appena due Gran Premi il costo dei danni è aumentato drasticamente. Praticamente del 50%, secondo i calcoli di ‘u/basspro24chevy’ nel forum di Reddit. I conti dopo la carneficina all’uscita di curva 1 dell’Hungaroring ammonterebbero ora a praticamente 24.000.000 di dollari. I soli danni dello scorso weekend sono costati quasi $ 4.800.000, una cifra sbalorditiva. Poco più di quattro milioni di euro.

I commenti e le polemiche

Ora sono più chiare le parole che Binotto ha detto. Secondo lui, chi sbaglia, dovrebbe pagare. Se il pilota di una squadra danneggia il pilota avversario, sarebbe corretto che pagasse i danni. O la richiesta di Christian Horner che almeno gli importi per riparare l’auto da incidenti, sostituire parti, ecc., non siano conteggiati entro il limite di budget.

E anche quelle di Guenther Steiner su Nikita Mazepin e di Mick Schumacher, che ha avuto non pochi incidenti forti. Mick è secondo in classifica (foto in alto), dietro Max Verstappen e appena davanti a Valtteri Bottas, con oltre $ 3.000.000 di danni.  Solo $ 900.000 per Mazepin.


Leggi anche

F1 | Come sarebbe stata la ripartenza del GP d’Ungheria se Hamilton avesse fatto pit stop? Ce lo spiega Masi


Verstappen apre la classifica con $ 3.417.000, di cui $ 2,2 milioni corrispondono all’incidente Silverstone. Bottas, dal canto suo, accumula 3.021.000 $, di cui 2.184.000 corrispondono all’incidente di Imola e 1.167.000 a quello di domenica scorsa. Tsunoda e Leclerc, con poco più di $ 2.000.000. Carlos Sainz nonostante l’incidente nel Q2 in Ungheria, ha solo 532.000 $ di fattura, quattro volte meno di Leclerc il cui botto a Monaco è stato costosissimo. Quello di questo GP di Ungheria supera i 600.000 dollari. Il pilota “più economico” in griglia è Fernando Alonso, solo $ 170.000, la metà di quello che lo precede in lista, Sergio Pérez, che ne ha quasi 340.000.

Alla luce di questi dati, è chiaro che Wolff non voglia nemmeno sentire l’idea di “chi fa un danno, lo paga”: se pensiamo a Ungheria e Silverstone, parleremmo di oltre 3.600.000 dollari di ‘risarcimento danni’ più 1.300.000 dollari per ‘propri danni’. Ricordiamo che questo calcolo viene fatto da u/basspro24chevy, parliamo senza dubbio di valori indicativi.

E, attenzione, i motori non entrano in classifica. Verstappen e il suo problema che persiste da Silverstone. L’acqua persa da Perez in Ungheria. In entrambi i casi la Honda si adopererà per cercare di recuperarli ma è difficile. E anche Leclerc a Budapest è KO. Potrebbero essere 10 milioni in più di danni ( più penalità in pista).

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.