F1 I Mazepin attacca Schumacher: “I risultati parlano da soli”

Nikita Mazepin ha commentato il difficile inizio stagione di Mick Schumacher, che lo scorso anno era suo compagno in Haas.Il russo parla  dopo quattro mesi fuori dalla Formula 1 e insiste sul fatto che tornerà alle competizioni non appena si presenterà l’occasione.

Mazepin Schumacher
credits dal web

Nikita Mazepin ha notato le deludenti  prestazioni di Mick Schumacher in questo inizio stagione. Il pilota tedesco lo scorso anno aveva costantemente battuto Mazepin. che non era mai riuscito ad andare oltre la 14esima posizione nel suo unico anno di Formula 1.

Haas ha licenziato Mazepin, quando il team ha rescisso il contratto con lo suo sponsor Uralkali, per le conseguenze delle sanzioni alla Russia per l’attacco all’Ucraina.

Mick Schumacher, con una Haas più competitiva di quella dello scorso anno, ha avuto due incidenti, che hanno causato danni importanti alla monoposto. Il suo miglior risultato è un 13esimo posto.  Il suo compagno di squadra Kevin Magnussen sta facendo molto meglio di lui, riuscendo addirittura a ottenere una quinta posizione al suo ritorno in Formula 1.

Le difficoltà di Schumacher? I suoi risultati parlano da soli, direi. Non ho più niente da dire su di lui“, ha detto Nikita a Match TV russa, secondo l’agenzia di stampa italiana ANSA.


Leggi anche: “F1 | Latifi licenziato dopo il GP del Canada? Ecco il sostituto


Mazepin spera di poter tornare a gareggiare

Il russo parla dopo quattro mesi fuori dalla Formula 1. Mazepin insiste sul fatto che tornerà alle competizioni non appena si presenterà l’occasione. Sebbene dubiti che ritornerà in F1, ma non smette di crederci.

Per quanto mi riguarda, mi metterò al volante alla prima occasione. È improbabile che parteciperò ad un’altra gara di Formula 1, almeno nel prossimo futuro,. Imiracoli accadono, guarda Magnussen“, ha aggiunto Nikita.

Quattro mesi fa non potevo immaginare che tutto sarebbe cambiato così tanto. Ora non posso pensare che tra altri quattro mesi andrà tutto bene. Sto aspettando“, ha condiviso.

Nikita è ancora sorpreso dal fatto che nessuno della squadra lo abbia contattato per salutarlo quando è stato licenziato. Il russo afferma che si sarebbe comportato diversamente.

“Magnussen è in forma, ha dimostrato di saperlo fare e io voglio farlo di nuovo. Nessuno mi ha contattato dopo che ho lasciato la Haas e sinceramente non so perché. Se un meccanico venisse licenziato, gli manderei un messaggio“, ha concluso Nikita.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Victoria L.

Laureata in Comunicazione, lavoro in una media company. Appassionata di Formula 1, la seguo dal Gran Premio di Jerez 1997.