F1 | I record che Hamilton e gli altri possono battere quest’anno

Così come negli ultimi anni, anche in questa stagione molti record della F1 si apprestano ad essere infranti. Da Hamilton ad Alonso, passando per Kimi, i veterani della F1 odierna avranno la possibilità di riscrivere pezzi di storia della categoria regina del motorsport.

F1 record Hamilton
Lewis Hamilton – Credits: Twitter Hamilton

“I record sono fatti per essere battuti”, ripeteva spesso Michael Schumacher. E mai come in queste ultime stagioni di F1, con il dominio di Hamilton e della Mercedes, questa frase è risultata più vera. Molti record, la maggior parte appartenenti proprio al tedesco, sono infatti stati abbattuti negli ultimi anni, e questa stagione non sarà da meno, con altrettanti record che saranno riscritti.

Il primo e più significativo di tutti è quello dei titoli mondiali. Solo un decennio fa, le 7 iridi di Schumacher parevano quasi irraggiungibili. Quest’anno, invece, c’è la concreta possibilità che Hamilton possa “sorpassarlo” e diventare così il primo pilota nella storia ad aver vinto 8 mondiali. Michael stesso non ci andò lontano nel 2006.

Vincendo il titolo quest’anno, Hamilton eguaglierebbe un altro record che al momento appartiene solo a Schumacher: vincere il mondiale per 5 anni consecutivi. Inoltre, sempre l’inglese che è già il pilota con più pole (98) e più vittorie (95) nella storia, potrebbe e dovrebbe arrivare in tripla cifra: numeri pazzeschi. Tra l’altro, gli basta una sola vittoria nell’arco della stagione per eguagliare il record del tedesco di vincere almeno una gara per 15 stagioni consecutive.

Già questa domenica il pilota Mercedes, percorrendo una dozzina di giri al comando, potrà battere anche il record del maggior numero di giri percorsi in testa alla gara, anche questo appartenente a Schumacher. Vincendo il GP di Ungheria, infine, Lewis diverrebbe anche il pilota con più vittorie sulla stessa pista (9).

Alonso: la siccità più lunga

Se Fernando quest’anno dovesse tornare a vincere un GP, andrebbe a battere il record di Patrese del maggior numero di giorni trascorsi tra due vittorie consecutive, che al momento è di 2402 giorni. L’ultima vittoria di Alonso risale infatti al 2013, e da quella data sono trascorsi più di 2800 giorni.

Con una vittoria Alonso batterebbe anche il record del maggior numero di gare trascorse tra due vittorie. Al momento questo record è di Kimi, che ha vinto il GP degli Stati Uniti del 2018 dopo 114 gare dal precedente trionfo.

Altro record che andrebbe a stabilire l’asturiano in caso di successo, sarebbe quello del divario più lungo tra la prima e l’ultima vittoria dello stesso pilota. Anche quest’ultimo appartiene al finlandese, la cui vittoria del 2018 è arrivata ben 15 anni e mezzo dopo il suo primo trionfo in carriera.

Raikkonen: longevità

Raikkonen, tipicamente impassibile a queste statistiche, è già diventato la scorsa stagione il pilota ad aver preso parte al maggior numero di gare. Quest’anno, inoltre, sarà per lui la 19esima stagione, andando ad eguagliare in cima a questa classifica Schumacher e Barrichello.

Alla sua ottava gara di quest’anno, invece, stabilirà un record particolare: diventerà il pilota che avrà corso il maggior numero di gare con lo stesso numero di auto, il 7 nel suo caso.

Altri numeri

Tre piloti domenica prenderanno parte alla loro prima gara, Mazepin, Tsunoda e Mick Schumacher. Quest’ultimo correrà con il 47, numero che è andato a punti solo una volta in F1, ovvero nel GP del Bahrain del 2016 quando Vandoorne sostituì Alonso.

La metà dei 20 piloti in griglia ha già vinto almeno una gara, e questo è sintomatico di quanto sia elevata la qualità dei piloti quest’anno.

In Ferrari inoltre, per la prima volta dal 2007, non ci sarà un campione del mondo al volante dell’auto.

Il calendario

Per la prima volta in una stagione di F1, il calendario è composto da ben 23 gare. Non solo, se dovessero essere confermate le 3 gare sprint, gli statistici potrebbero chiedersi se contarle come gare vere e proprie, facendo quindi lievitare il numero fino a 26.

Tra le gare in programma è da segnalare l’esordio nel calendario dell’Arabia Saudita, cosa che ha suscitato non poche polemiche.

Infine, anche Ricciardo e Perez sono prossimi a un traguardo importante: entrambi nel corso della stagione arriveranno alla 200esima partecipazione ad un weekend di gara.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

F1 | Alonso: “Ferrari? Non mi pento di aver lasciato, non hanno vinto nulla”

 

 

Nicola Fedeli

Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Grande appassionato di F1 e MotoGP fin da piccolo.