F1 | I team principal non trovano alternative alle penalità per la PU

Molti team principal hanno affermato che non trovano alternative alle penalità in griglia dovute alla sostituzione della PU.

Team principal penalità PU
Fonte: Scuderia Alpha Tauri

In questi ultimi anni, soprattutto nelle ultime gare della stagione, la griglia di partenza è stata modificata per le penalità. Queste penalità spesso sono da attribuire alla sostituzione della Power Unit da parte dei team che non riescono ad arrivare a fine stagione con le tre consentite dal regolamento tecnico.

Le attuali Power Unit sono costituite da sei elementi e la prima sostituzione di ognuno costa 10 posizioni di penalità. Dalla seconda sostituzione dello stesso elemento si avrà una penalità di cinque posizioni in griglia di partenza.


Leggi anche: F1 | Domenicali sorpreso dal sondaggio sul pilota preferito dai fan: “Strano non sia Hamilton”


Quest’anno anche i due piloti contendenti al titolo hanno dovuto arretrare in griglia di partenza per aver superato le tre Power Unit consentite. Ad Autosport molti team principal non hanno saputo trovare alternative valide.

“Penso che il sistema di penalità sulle Power Unit sia piuttosto buono” ha dichiarato Toto Wolff. “Perché quello che dobbiamo evitare è di costruire Power Unit in modo che funzionino al massimo delle prestazioni solo per poche gare”.

Il team principal Mercedes ha fatto anche delle ipotesi: “Se cambiassimo i regolamenti e dicessimo ok, non c’è penalità in griglia per il pilota, ma solo punti per i costruttori, significherà comunque che le squadre, se sei in lotta per un campionato piloti, metteranno i motori a quella macchina”.

Penso che se trovassimo buone soluzioni sicuramente vale la pena considerarle. È fonte di confusione per i nuovi fan il motivo per cui, per irresponsabilità del pilota, una penalità al motore lo metta in fondo alla griglia, o dieci o cinque posizioni più indietro. E questo chiaramente non è eccezionale, ma non ho le soluzioni”.

Team principal penalità PU
© Copyright: FIA Pool Image for Editorial Use Only

Christian Horner, team principal Red Bull, ritiene che il limite attuale delle Power Unit sia troppo basso.

“Non sono mai stato un fan di due o tre motori”, ha dichiarato Horner. “Per me, comunque, finisci per usarne quattro praticamente in una stagione. Quindi è qualcosa che dobbiamo guardare al futuro. Voglio dire, si parla di scendere a due motori, il che penso sarebbe un errore. Quindi ci deve essere un equilibrio ragionevole”.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Marco Cesaroni

Classe 2001 con la Formula 1 nel sangue