F1 | Il circuito di Barcellona ha rinnovato il contatto fino al 2026

Il circuito di Barcellona e della Catalogna rinnova il contatto con Liberty Media per altri cinque anni rimanendo nel calendario fino al 2026.GP Catalogna

Foto: xpbimages.com

Il circuito di Barcellona e della Catalogna ha avuto il via libera da parte del governo per rinnovare il contratto con la Formula 1 fino al 2026 e dovrebbe garantire almeno altre cinque edizioni su questo circuito.

Il GP della Spagna era già in programma per il calendario 2022 però ancora non si avevano certezze sul suo futuro prossimo. Lo stesso portavoce del governo della Catalogna, Patrícia Plaja, ha comunicato questo martedì che la Generalitat Catalonese ha dato l’ok per il rinnovo di altri cinque anni sia con Formula 1 che con la Moto GP: “Il governo ha autorizzato questa mattina a Circuits de Catalunya il rinnovo del contratto per la promozione della Formula 1 e del Motomondiale per il periodo 2022-2026“.


Leggi anche:F1 | Ferrari, Binotto: “Mai compromesso la vettura del 2022 per la lotta al terzo posto di quest’anno”


Però tutto ciò non sta a dire che vedremo sicuramente gare su questo circuito fino al 2026 perché il contratto con Liberty Media stabilisce che il circuito si deve rinnovare per mettersi a passo coi tempi e diventare più sostenibile. In merito a ciò, la Playa comunica che: Un altro Circuit de Catalunya è possibile e questo è ciò che il governo farà. Il rinnovo di questi contratti permetterà di iniziare un periodo di transizione verso un nuovo circuito“.

In fine l’Assessorato alle Imprese e al Lavoro dice che intorno al circuito girano tante cose altre allo sport in sé per sé, come: economie legate al settore della mobilità elettrica, dell’innovazione e dell’intrattenimento. Quindi tenere in vita questo circuito vuol dire tenere in vita anche l’economia delle imprese e i loro lavoratori.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Erik Jozsef Vaccari

Classe ’99. Appassionato di Formula 1 dal 2016. Studio economia del turismo a Rimini. Futuro giornalista? Futuro imprenditore alberghiero? Non so vedremo. Ora testa bassa e si lavora duro.