F1 | Il Circuito Paul Ricard potrebbe subire importanti modifiche del layout

Gli organizzatori del Gran Premio di Francia stanno valutando la possibilità di apportare importanti modifiche al layout del Circuito Paul Ricard di Le Castellet, nel tentativo di renderlo migliore per le corse di Formula 1. f1 paul ricard francia

f1 paul ricard francia
credits: svsport.it

Sulla scia di una gara tutt’altro che elettrizzante all’inizio di quest’anno, è emerso che i gli organizzatori del Gran Premio di Francia hanno discusso con la FIA e la FOM per trovare il modo di apportare importanti modifiche al layout del Circuito Paul Ricard di Le Castellet, nel tentativo di renderlo più adrenalinico per le corse di Formula 1, come lo è stato in passato. f1 paul ricard francia

In particolare l’obiettivo è rendere il Paul Ricard un luogo migliore per il sorpasso. Le discussioni si stanno concentrando su tre cambiamenti chiave che potrebbero aiutare a migliorare le cose. Ciò include una riprofilatura della chicane sul rettilineo del Mistral per renderla più stretta; l’aggiunta di una terza zona DRS prima della curva Signes; ed un layout completamente nuovo nella prima sezione della pista.

 

 

L’ex capo del team Lotus di F1, Eric Boullier, che ora è consigliere strategico per il GP di Francia, afferma di aver iniziato i colloqui con il direttore di gara Michael Masi già a luglio di quest’anno.

 

Ai microfoni di Motorsport, Boullier ha dichiarato:

Ho chiesto che cosa dobbiamo fare. Sono tornati da me con un tracciato completamente nuovo, che non era affatto Paul Ricard. Era un nuovo tracciato, quindi una storia diversa! Ma era parte dello scopo della mia richiesta, scoprire cosa si potesse fare. Quindi ora sto tornando da loro, riportando quali idee sono buone e su cui sono d’accordo. Ci stiamo lavorando e vedremo cosa si può fare.

L’area che potrebbe subire le maggiori modifiche per Boullier è la sezione di apertura della pista:

Sulla base dei risultati che ho visto da FOM, questa prima parte del tracciato sarà il mio suggerimento. Quindi non riprogettare tutto. Manterremo la chicane e manterremo Signes e Beausset, perché sono angoli distintivi. Ma forse possiamo fare dei cambiamenti tra la curva 1 e la curva 4 per renderla più veloce, con una grande frenata. E poi avere due grandi rettilieni che dovrebbero far sì che le squadre utilizzino meno deportanza.

Uno dei punti di maggiori critiche è la chicane sul rettilineo del Mistral:

Tutti mi dicono di togliere questa chicane, tenere tutto il rettilineo, e ciò risolverà il mio problema”. Sì, ma mi creerebbe più problemi, perché ho 10.000 posti in tribuna lì. E ovviamente il principale flusso di entrate di un promotore di un Gran Premio è il ticketing. Quindi dove metterò queste 10.000 persone in tribuna? Inoltre, tutte le manovre di sorpasso sono avvenute lì. Possiamo cambiare un po’ la configurazione, di modo da rendere più difficile la frenata e offrire altri 20 metri in più per la seconda parte, in cui, se abbiamo una terza zona DRS, potremmo vedere forse qualche sorpasso in più.

 

La chicane incriminata, a metà del rettilineo del Mistral

Boullier ha affermato che non è stata ancora presa alcuna decisione definitiva sulla questione, e che non sa ancora quando il lavoro potrebbe essere firmato. Ha aggiunto che sarebbe necessario calcolare anche i costi, e che prima di prendere la decisione, bisogna capire chi pagherà per tutto questo.

 

Il Monitor dei Tempi – GP Abu Dhabi – Mercedes chiude con un dominio assoluto

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1