F1 | Il GP d’Austria potrebbe disputarsi a porte chiuse

GP Austria 2020: il governo non ostacolerà la Formula 1, e la gara potrebbe disputarsi a porte chiuse.

GP Austria 2020
Red Bull Ring. Fonte: Ferrari

Il governo austriaco non ha alcuna intenzione di ostacolare il Gran Premio di Formula 1 previsto agli inizi di luglio presso il Red Bull Ring, e si pensa a una gara a porte chiuse.

Tra weekend cancellati o rimandati, i vertici della massima categoria si stanno impegnando affinché si possano disputare quante più gare possibili.

L’emergenza sanitaria non ha risparmiato neanche il Gran Premio di Francia, divenendo di fatto il decimo GP ad essere annullato.

Ross Brawn, dirigente sportivo britannico, pensa di poter dare inizio alla stagione 2020 di Formula 1 in Europa e con limitazioni severe da attuare per garantire la sicurezza di chi lavora nel paddock.

Durante la conferenza stampa di mercoledì, il Primo Ministro dello Sport e vice cancelliere Werner Kogler ha annunciato che il governo austriaco non ostacolerà la categoria automobilistica. A patto però che il Gran Premio si tenga a porte chiuse.

“Non vogliamo creare ostacoli. Questa è una situazione del tutto differente da una partita di calcio in uno stadio. Le regole della distanza minima dovranno essere rispettate, ma questo aspetto sembra possibile” ha così dichiarato l’austriaco.

“Sono in contatto con il governatore della Stiria a questo proposito. La gara sarebbe confermata a luglio nel calendario esistente. E in definitiva, le federazioni sportive dovranno decidere da sole. Sono anche in contatto con Helmut Marko che ha fatto da mediatore con il Red Bull Ring”. GP Austria 2020

Ti piacerebbe scrivere news o approfondimenti sulla F1, MotoGP o qualsiasi altra categoria motoristica?
F1inGenerale è alla ricerca di nuovi editori.Clicca qui per info

“A Marko ho comunicato che vorrei che la gara si disputasse: inoltreremo tutte le linee guida applicabili per un evento simile. Vedranno così cosa è possibile fare o meno”.

L’Austria ha attuato delle importanti restrizioni per coloro che entrano nel paese. Prima tra tutte è la quarantena obbligatoria o una certificazione che garantisca lo stato di salute della specifica persona.

Potrebbe essere questa, secondo Kogler, la più grande sfida per la Formula 1. GP Austria 2020

“Mi è stato detto che il nostro piano di sicurezza potrebbe funzionare. Anche se qualcuno dovesse andare prima in isolamento. Non voglio interferire con il GP, ma devo sapere che le misure di sicurezza verranno rispettate. Poi è chiaro: più è grande la comunità di Formula 1, più ci sono le possibilità che qualcosa accada comunque” ha così concluso il vice cancelliere austriaco.

Seguici anche su Instagram 

F1 | Codemasters presenta F1 2020: nuove modalità e versione deluxe dedicata a Schumacher