F1 | Il GP di Zandvoort sotto analisi: si valuta il DRS per il 2022 sull’ultima curva

La Formula 1 analizzerà i dati del GP d’Olanda per valutare l’utilizzo del DRS sull’ultima curva per il prossimo evento del 2022. Fondamentali i feedback dei piloti, sebbene ci siano ancora dei dubbi sulla sicurezza.

f1 drs zandvoort

Il debutto della Formula 1 sul circuito di Zandvoort non ha deluso le aspettative. I piloti sono rimasti entusiasti di quello che può essere definito un circuito vecchio stile, che esalta le abilità del pilota, protagonista nella diversa interpretazione delle traiettorie. Tuttavia è emersa anche una certa difficoltà nei sorpassi, con pochi punti a disposizione. f1 drs zandvoort

L’idea del progetto era quella di permettere ai piloti di poter sfruttare il DRS all’ultima curva per poter sfruttare il rettilineo e chiudere il sorpasso. La FIA, però, ha adottato una linea più cauta vietandone l’utilizzo.


Leggi anche: F1 | Mercedes, ufficiale: George Russell al posto di Bottas nel 2022


Parola ai piloti

I piloti, d’altra parte, al termine della gara hanno suggerito che col DRS e il banking della curva 14 la situazione sarebbe stata migliore.

“Se avessimo avuto il DRS dall’uscita di curva 13 probabilmente questo ci avrebbe aiutato. Non sono sicuro che sarebbe stato facile, ma è un qualcosa da provare per il prossimo”. [Esteban Ocon]

“Sorpassi quasi impossibili salvo una netta differenza di performance negli penumatici. Il DRS potrebbe migliorare le cose ma non so se sia sicuro, è comunque una curva anche se fatta in pieno.” [Lance Stroll]

La FIA apre al futuro

Il direttore di gara della FIA,Michael Masi ha affermato che i dati ottenuti durante il weekend saranno analizzati per valutare la sicurezza del DRS in curva 14, nonostante le vetture subiranno un notevole cambio regolamentare. f1 drs zandvoort

“Come facciamo sempre con il DRS, cerchiamo di fare alcune simulazioni. Abbiamo detto che qui il banking era completamente sconosciuto, per questo abbiamo voluto raccogliere dati e capire come migliorare le cose per il prossimo anno. Sì, saranno auto completamente diverse, con un pacchetto aerodinamico completamente diverso. Ma penso che in base a ciò che abbiamo ci darà comunque un’indicazione abbastanza buona delle finestre e di ciò in cui possiamo operare”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter