F1 | Il Mugello è pronto ad accogliere la Formula 1

Il circuito del Mugello si ritiene pronto ad accogliere un Gran Premio di Formula 1. “Se ci chiamano, noi siamo pronti a tutto”, ha affermato il sindaco di Scarperia.

Formula 1 Mugello
Credits: Circuito Mugello

Un Gran Premio di Formula 1 al Mugello? Un sogno che potrebbe diventare realtà secondo il sindaco di Scarperia. Federico Ignesti afferma di essere pronto a negoziare con Liberty Media per un possibile ritorno della Formula 1 nel circuito del Mugello.

Vale la pena di ricordare che l’anno scorso, dopo lo scoppio del coronavirus in tutto il mondo, Formula 1 ha redatto un calendario straordinario con molte “sorprese”: Imola, Mugello, il percorso esterno al Sakhir ecc. Mugello si è rivelato essere un circuito amato dai fan della Formula 1 per essere un circuito di “vecchia scuola”, che non perdona gli errori. Secondo Ignesti, il Mugello è pronto a riaccogliere il Circus. “Siamo pronti”, ha detto Federico Ignesti, sindaci del comune di Scarperia e San Piero, dove si trova il circuito Mugello, in un’intervista con il quotidiano Corriere dello Sport. “Se quelli di Liberty Media sono disponibili per collaborare con l’organizzazione del circuito e con la nostra amministrazione, non diciamo “no” a nessuno. Vedremo cosa succederà prossimamente“, ha aggiunto.


Leggi anche

F1 | A settembre torna il GP di Olanda: obiettivo 105 mila spettatori per Zandvoort


Il tempio della MotoGP

Lo scorso fine settimana, il circuito situato nella provincia di Firenze ha avuto come protagonisti la MotoGP e le sue categorie inferiori. E nel paddock erano presenti due figure fa della Formula 1: Toto Wolff e Stefano Domenicali. Forse la cosa più sorprendente è stata che Domenicali, CEO di Formula 1, era presente. Tuttavia, l’italiano afferma che la sua visita al Mugello era legata a una possibile collaborazione con MotoGP per il futuro. “Abbiamo visto da vicino le moto e i loro aspetti tecnologici e anche in questo caso il livello è impressionante. Gli amanti della motociclette sentono questa passione ancora più profondamente, ma devo dire che al momento la Formula 1 non sta sbagliando. La cosa più evidente in questo caso è che è il pilota che fa la differenza”, Stefano ha detto in conclusione.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.