F1 | Il tempio della velocità: l’anteprima Pirelli del GP Italia

La Formula 1 non fa un momento di pausa: questo weekend siamo di nuovo in pista nel tempio della velocità. L’Autodromo Nazionale di Monza ospita infatti la 90a edizione del GP d’ Italia (70 quelle valevoli per il mondiale F1), e Pirelli si prepara alle sfide di Villa Reale.

GP Italia Pirelli

Caratteristiche del circuito GP Italia Pirelli

L’iconico tracciato di Monza, le cui curve sono impresse nell’immaginario degli appassionati italiani, è tutt’ora una grande sfida per team e piloti. Un layout relativamente semplice nasconde insidie legate alla deportanza minima, come in nessun’altra pista in calendario. Conseguenza di ciò è la necessità di avere enorme grip meccanico sulle gomme, che quindi si deteriorano facilmente nonostante le temperature relativamente nella media. Grande sollecitazione alle gomme deriva anche dall’altezza dei cordoli, assolutamente significativa, che ne mette a dura prova la solidità strutturale.

Scelta delle mescole

La selezione di quest’anno per l’Italia vede un treno gomme diverso da quello di Spa, replicando invece quanto visto in Francia e Austria. Le soft rosse corrisponderanno alla mescola C5, le medie alla C4 e le dure alla C3. Vediamo insieme come Mario Isola spiega e giustifica la scelta.

“Come Spa-Francorchamps, anche Monza è un circuito particolarmente impegnativo per piloti, monoposto e pneumatici. Rispetto al 2018, quest’anno abbiamo diverse nomination per queste due gare. Per il Belgio la scelta è stata più dura rispetto allo scorso anno, mentre a Monza è leggermente più morbida. La pole 2018 di Kimi Raikkonen è stata la più veloce di sempre e visto il costante aumento delle prestazioni in questa stagione, ci aspettiamo nuovi record. Monza è un circuito sul quale è piuttosto difficile superare e lo scorso anno abbiamo visto quanto possa risultate fondamentale impostare una corretta strategia di gara. Nelle ultime due edizioni del Gran Premio d’Italia ha piovuto durante il fine settimana, aggiungendo un’ulteriore incognita a una gara sempre molto combattuta”.

Informazioni tecniche

  • Pressioni minime alla partenza: 23,5 psi (ant.) | 21,0 psi (post.)
  • Camber massimo: -3,00° (ant.) | -2,00° (post.)

F1 | GP Belgio, la soddisfazione di Albon: “Questo è un buon inizio”


 

mm

Aurora Dell'Agli

Classe 1997, appassionata di motori sin da bambina. Studio Giurisprudenza e nel tempo libero commento e analizzo Formula 1, Formula E e WEC sul blog Instagram @theracingchick.