F1 | Imola punta ad accogliere 13.000 tifosi per la gara di novembre

Il ritorno alla normalità nel rispetto delle norme igienico-sanitarie: questo è l’obiettivo dell’Autodromo di Imola che punta ad avere 13.000 tifosi per la gara di F1.

imola tifosi f1

Imola sarà la sede del terzo Gran Premio stagionale su territorio italiano. L’autodromo romagnolo torna ad ospitare la F1 per la prima volta dal 2006 e vuole farlo nel migliore dei modi, permettendo ai tifosi di assistere alla gara dal vivo.

La Regione Emilia-Romagna sta valutando la parziale ammissione dei tifosi al circuito. Il piano sembra essere stato provvisoriamente concordato, nonostante manchi ancora l’ufficialità. La pista dovrebbe riservare inoltre alcuni biglietti per i residenti locali.

L’Autodromo Enzo e Dino Ferrari vuole accodarsi al Mugello nella scelta di permettere ai tifosi di accedere al circuito. La gara toscana sarà la prima della stagione a vedere la presenza dei fan, circa 3.000, sulle tribune.

Un dato incoraggiante è sicuramente rappresentato da ciò che è accaduto in MotoGP. Il circuito romagnolo di Misano, a pochi km da Imola, ha infatti avuto il via libera per vendere 10.000 biglietti per la gara.

L’intenzione di Imola è quella di poter accogliere circa 13.000 tifosi. Si cercheranno di ospitare anche 500 ospiti del Paddock Club, 500 ospiti dagli sponsor locali e altri 300 dalla Regione Emilia-Romagna.

Le parole di Uberto Selvatico Estense

A riguardo è intervenuto Uberto Selvatico Estense, presidente dello storico circuito: “Sarà un evento straordinario per gli amanti della Formula 1”.

“Vogliamo proporre diverse soluzioni di parcheggio per organizzare in modo particolare l’accesso alle tribune.”, continua Selvatico Estense.

“Useremo tutte le tribune del circuito. Ovviamente saranno rispettate tutte le norme sanitarie per impedire la diffusione del virus; stiamo progettando di utilizzare tre posti vuoti tra un gruppo di persone e l’altro. Inoltre – continua – le tribune sono tutte all’aperto, per cui sarà veramente al massimo della sicurezza”.

“Stiamo lavorando su blocchi da 1000 persone ciascuno, per poter garantire ottimamente tutte le precauzioni necessarie”.

l presidente dell’autodromo parla anche dei possibili prezzi: “Stiamo pensando di proporre gli stessi prezzi che aveva Monza in passato. Inoltre vogliamo dare al pubblico locale un’opportunità speciale per permettere loro di guardare la gara”.

“Lavoriamo per il territorio e per i residenti locali. Vogliamo poi anche mantenere uno standard per lo spettacolo, perciò i biglietti non saranno troppo economici, spero la gente capisca”.

Per quanto riguarda la divisione dei proventi Selvatico Estense ha annunciato che parlerà con la F1 per trovare un accordo che possa soddisfare entrambi. “Collaboreremo con la F1 e troveremo un accordo. È molto importante per noi e per la nostra partnership”, ha concluso il presidente del circuito.

Un importante ritorno dei tifosi per il Gran Premio di F1 ad Imola non è più così un’utopia.

 

Seguici anche su Twitter

 

 

F1 | Binotto sottolinea la situazione del team: “la Ferrari non è dentro una crisi”

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.