F1 | Iniziano ad aumentare i casi di Coronavirus anche in Formula 1

E’ allerta Coronavirus anche nel mondo della Formula 1, dieci componenti del personale ausiliario sono risultati positivi.

FORMULA 1 CORONAVIRUS
credits web

È il numero più alto di casi da Coronavirus registrati in una sola settimana nel Circus della Formula 1, da quando sono stati adottati i test anti-Covid al fine di scongiurare ogni pericolo. 

Anche se la F1 non ha rivelato chi fosse stato contagiato, il giornalista Will Buxton ha reso noto sui suoi canali social che è risultato positivo al Covid e allo stato attuale sta riposando a casa.

Ad oggi, Sergio Perez è l’unico pilota di Formula 1 a cui è stato diagnosticato il Coronavirus, costringendolo a saltare le due gare di Silverstone.

Fatto sta, che fino ad ora il numero più alto di casi era stato di sette. La Formula 1 afferma che le misure speciali adottate al fine di  proteggere il personale attraverso l’uso delle cosiddette “bolle” rimangono intatte e per tanto non ci sono rischi per le squadre. La bolla fa in modo che il personale sia ben lontano da contatti esterni sia nel paddock che all’interno delle proprie squadre.

Paese che vai norme diverse che trovi…

Ad ogni modo, le ferree le regole del paddock per gli addetti ai lavori, non sempre valgono per il pubblico sulle tribune. Infatti, domenica scorsa in Russia non vi erano misure restrittive per favorire il distanziamento sociale e il pubblico non era obbligato ad indossare le mascherine.

Ciò è diverso a seconda della nazione. Paesi come il Regno Unito e la Francia impediscono la partecipazione dei tifosi a raduni e eventi sportivi. Invece, l’Italia che ospiterà un terzo Gran Premio quest’anno ha dato la possibilità di assistere a 1.000 tifosi alla gara del Mugello e consentirà a 13.000 spettatori di assistere al prossimo Gran Premio dell’Emilia Romagna a Imola.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Perchè l’addio di Honda può mettere in crisi Red Bull?

Giuseppe Cinotti

Laureato in Operatore Giuridico d'Impresa e specializzando in Relazioni Internazionali e Cooperazione allo sviluppo presso L'Università per Stranieri di Perugia. Autore per F1ingenerale.com. E’ appassionato di Formula 1 fin da bambino. Ama questo sport perchè è il suo sogno da sempre. Ama il rumore assordante, l'odore della pista, l'attesa, la tensione, le macchine che scattano impazzite, il brivido, la strada che corre veloce, i sorpassi, la paura di sbagliare, il coraggio, il superare se stessi. Il suo motto: "Non si può descrivere la passione, la si può solo vivere" cit. Enzo Ferrari.