F1 | Intervista a Bernie Ecclestone: “L’assenza della Ferrari non è un bene per la F1”

© Eurosport

© Eurosport

Il presidente onorario della F1 Bernie Ecclestone ha rilasciato un’intervista alla testata “Autocar” in cui ha spaziato tra vari temi, tra questi spiccano senza dubbio le sue dichiarazioni sulla situazione attuale e sulle minacce della Ferrari. Bernie non è solito essere un gran diplomatico ed anche stavolta ne ha dato dimostrazione. Ecclestone F1

© Eurosport

Alla domanda postagli su cosa pensasse delle continue minacce della Ferrari di abbandonare la F1, il presidente emerito ha risposto così: “Se la Ferrari avesse voluto davvero andarsene, lo avrebbero già fatto. Non lo hanno mai fatto“. L’ex proprietario del Circus ha poi elogiato le capacità di Enzo Ferrari: “Ho solo ricordi positivi del signor Ferrari. Mi diceva sempre ciò che realmente stava capitando, anche mentre era occupato a dire agli altri l’opposto“. Ecclestone F1

Arriva dunque la domanda del 10: “È più grande la F1 o la Ferrari?”. La risposta è secca da parte di Bernie: “La F1 senza Ferrari non sarebbe una cosa positiva, la Ferrari è un brand molto forte capace di allontanarsi dalla F1 e rimanere comunque in auge. Sebbene siano diversi anni che la Ferrari non vinca, puoi chiedere a chiunque per strada chi abbia vinto il mondiale la risposta sarà: la Ferrari.

Per quanto riguarda la sua vecchia creatura l’ex manager si è espresso così: “Non mi manca, continuo a parlare con le stesse persone, vengono qui e chiedono la mia opinione… Continuo a guardare le corse, ci sono tutte queste idee sui sorpassi ma le gare non sono così differenti da come son sempre state. C’è bisogno di competizione, quando un team domina la situazione diventa frustrante“.


Continuando poi con la sua idea riguardo questi cambiamenti: “Non è questa la strada da seguire, la F1 è così da 50 anni, perchè cambiarla? Intendo, il mondo sta cambiando molto in fretta dunque è difficile capire ciò che il pubblico vuole. Le nuove generazioni non sembrano interessate alle auto, tra qualche anno non ci sarà più interesse per le auto. Dobbiamo essere sicuri che la F1 rimanga un pacchetto d’intrattenimento, ritornerei ai motori aspirati che fanno più rumore e sono più eccitanti

Non manca anche di commentare le moderne Power Unit: “I motori di oggi che sono i migliori dal punto di vista ingegneristico, non sono d’interesse per il pubblico, non c’è interesse in quanto consumano o quanto potenza generano. Il livello di ingegneria oggi è impressionante, ma non è interessante per il pubblico“.

Altra soluzione proposta da Ecclestone è: “Strappare i libri delle regole, scriverne di nuove e allontanarci da tutte quelle cose ipertecnologiche. Bisogna smetterla di dire cosa fare ai piloti, bisogna mostrare sportivi oltre il limite“, ha concluso l’ex boss della F1.

Seguiteci anche sui nostri social: https://m.facebook.com/F1inGeneraleIT/

WEC | Toyota posticipa i test su pista della Hypercar


Studente di lettere moderne appassionato di F1 ,dei grandi classici della letteratura e NERD incallito.
Disqus Comments Loading...

Questo sito si serve dei cookie di per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico.