F1 | Ipotesi GP di Melbourne a porte aperte, Westacott: “Abbiamo tanto spazio, possiamo ospitare il pubblico”

GP di Melbourne a porte aperte. E’ questa l’idea di Andrew Westacott, CEO del circuito di Albert Park, secondo cui con le dovute attenzioni e precauzioni sarà possibile ospitare il pubblico in totale sicurezza, anche perchè: “Abbiamo tanto spazio, circa 176 ettari di parco, se ci organizziamo bene possiamo tranquillamente svolgere l’evento in sicurezza”

GP Australia porte aperteFonte: Unknown

GP di Melbourne a porte aperte. E’ questo il desiderio di Andrew Westacott, CEO del circuito di Albert Park che quest’anno ospiterà di nuovo il tradizionale GP. Dopo un 2020 che ha riservato sorprese di certo non piacevoli, infatti, nel 2021 la F1 ritornerà a fare tappa in Australia, seppur in ritardo rispetto all’idea iniziale.

Proprio a causa delle severissime norme anticovid, infatti, il GP australiano, inizialmente gara di apertura della stagione, è stato posticipato alla fine, lasciando spazio al GP del Bahrain. Un rinvio necessario, dunque, che secondo Andrew Westacott renderà possibile l’opzione porte aperte.

“Personalmente vorrei evitare di fare un Gran Premio a porte chiuse. Al momento, infatti, sono certo che riusciremo ad organizzarci in maniera adeguata per ospitare anche il pubblico in tutta sicurezza” ha rivelato il CEO della pista australiana, che proprio quest’anno apporterà delle modifiche.

Sotto richiesta ed indicazione di piloti e team, infatti, la pit-lane, da sempre una delle più strette, verrà allargata di 2m. Un cambiamento utilissimo, reso possibile proprio grazie al rinvio del GP a novembre, che permetterà di ridurre i tempi nei pit-stop, rendendoli decisamente più veloci.

Tutto pronto, dunque, per il tanto atteso GP, il primo ad essere cancellato l’anno scorso. “Qui abbiamo tanto spazio, circa 176 ettari di parco. Saremo in grado, dunque, di ospitare il pubblico senza danneggiare nessuno. C’è posto per tutti, basta organizzarsi bene per suddividere le persone correttamente all’interno del parco” ha continuato Westacott.

“L’unico problema è che bisogna appunto organizzarsi e per farlo è necessario avere certezze. E’ fondamentale soprattutto per i turisti, visto che i viaggi vanno pianificati prima. Certo in questo momento è difficile fare programmi, ma credo che con l’aiuto dei vaccini e di tanta attenzione ce la potremo fare”

Seguici su Telegram, FacebookInstagramTwitter.

F1 | Pierre Gasly positivo al COVID-19: “Sto bene, voi state attenti”