F1 | Jos Verstappen: “Wolff non mi deve più chiamare”

Jos Verstappen ha criticato Toto Wolff per non aver chiamato per accettarsi delle condizioni di Max dopo l’incidente con Hamilton. L’ex pilota ha affermato: “‘Non deve più telefonarmi”jos verstappen Wolff

Jos Verstappen ha criticato Toto Wolff per non aver chiamato per accettarsi delle condizioni di Max dopo l’incidente con Hamilton. L’ex pilota ha affermato: “‘Non deve più telefonarmi”. Verstappen è rimasto illeso dall’incidente di 51G domenica scorsa in Gran Bretagna. È comunque stato portato in un vicino ospedale per alcuni test precauzionali. Il team di comunicazione di Max ha riferito ieri che il pilota sta bene e non ha ferite, anche se è un po’ dolorante.

Tuttavia, Jos Verstappen ha criticato il fatto che Wolff non li abbia contattati per preoccuparsi della salute di Max dopo un incidente così grave. Inoltre, ricorda che negli ultimi anni si sono sempre tenuti in contatto. “Abbiamo mantenuto buoni contatti per anni, ha continuato a chiamarmi e ha continuato a fare soldi. Penso che tutti sappiano perché. Questo mostra il carattere che ha. Non deve più chiamare“, si è lamentato Jos al canale televisivo tedesco RTL.


Leggi anche

F1 | Team radio di Leclerc durante gli engine cut: attimi di panico


Jos ha anche mostrato la sua rabbia per i festeggiamenti di Hamilton alla fine della gara. L’olandese ritiene che non sia stato un comportamento sportivo, se teniamo conto che Verstappen era in ospedale. Come Helmut Marko, anche lui era un sostenitore della squalifica per Hamilton. “Non festeggi la tua vittoria con tale euforia quando il tuo avversario è in ospedale”, ha aggiunto. Anche l’ex pilota di F1 ha voluto confermare che suo figlio sta bene. Max non ha rilasciato troppe dichiarazioni in merito, solo tramite i suoi social, ma il padre chiarisce che la prima cosa è stata riprendersi dallo spavento. “Max sta bene finora, sta bene. Era senza fiato, ecco perché non voleva dire nulla all’inizio, per riprendere fiato prima,” Jos indicò per chiudere.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.