F1 | Juri Vips sospeso da Red Bull con effetto immediato

Il giovane talento di Red Bull è stato sospeso con effetto immediato dal team dopo essersi reso protagonista di alcune frasi sconvenienti nel corso di una trasmissione in live.

Vips Red Bull
Il giovane Juri Vips, sospeso da Red Bull con effetto immediato – Credits: Motorsport.com

Dopo l’esordio in F1 nelle prove libere in Spagna, l’orientamento all’interno di Red Bull stava procedendo nel migliore di modi per il giovane Vips. Tutto fino ad oggi, quando il team di Milton Keynes ha ufficializzato tramite i propri canali social la sospensione immediata del pilota.

Ecco il comunicato di sospensione di Vips da Red Bull:

Il giovane estone si sarebbe reso protagonista di alcune frasi sconvenienti pronunciate durante una partita ai videogiochi trasmessa in live. Il pilota si trovava infatti in compagnia del collega Liam Lawson quando ha pronunciato una frase a sfondo razziale. Lawson ha subito fatto notare l’errore a Vips, ma ormai era troppo tardi, dato che i due erano in diretta.

La notizia si è diffusa rapidamente, e Red Bull ha deciso di adottare provvedimenti fin da subito. Il pilota è stato dunque sospeso da qualunque mansione all’interno del team, così come si legge nel comunicato. Vips si è prontamente scusato tramite i propri canali social, consapevole del fatto che i team non prendono alla leggera certi episodi. Le squadre di F1 curano, infatti, con attenzione la propria immagine sul web, e gesti di questo genere sono considerati severamente.


Leggi anche: F1 | Addio Spa-Francorchamps nel 2023? Le possibilità sono concrete


Non è la prima volta che un pilota di F1 si rende protagonista di comportamenti simili. Era già capitato all’ex-Haas Mazepin, accusato di comportamenti sgradevoli nei confronti di una ragazza diffusi sui propri account social. Anche nel caso del pilota russo, lo spiacevole gesto si era diffuso velocemente sul web, costringendolo alle scuse.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Jacopo Moretti

Studente di Giurisprudenza, classe 1998. Appassionato di Formula 1 e del Motorsport.