F1 | Källenius: “La Mercedes resta in F1, puntiamo solo a ridurre i costi”

La Mercedes non uscirà dalla F1, ad ammetterlo è lo stesso Ola Källenius. L’imprenditore svedese, infatti, durante una conferenza virtuale, ha rivelato di avere in mente una riduzione delle spese dal 2021. E ai sospetti di una possible uscita dal Circus ha risposto con una battuta…

F1 Ola Kallenius
Foto: Ola Kallenius, Daimler, Mbenz.it

“Far uscire la Mercedes dalla F1 sarebbe come far uscire il Bayern dal calcio” così Ola Källenius amministratore delegato Mercedes ha messo fine ai sospetti di una possibile uscita del team dal Circus. L’imprenditore svedese, infatti, ha partecipato ad una conferenza virtuale pochi giorni dopo la novantunesima vittoria del pilota di punta della scuderia: Lewis Hamilton.

A far sorgere dei dubbi erano state le numerose voci sorte negli scorsi mesi riguardo il futuro del team tedesco. Per molti, infatti, la casa di Stoccarda attualmente in testa al mondiale, avrebbe potuto abbandonare il Circus e continuare solo a fornire motori. Una decisione, questa, dettata soprattutto dal bisogno di ridurre le spese. Non è un mistero, infatti, che la categoria regina del motorsport sia anche uno degli sport più costosi.

A mettere fine alle voci, però, adesso è lo stesso Källenius che ha negato la possibilità di un’uscita dalla F1. “Se la Mercedes uscisse dal Circus sarebbe come vedere il Bayern fuori dal calcio” ha scherzato l’imprenditore svedese che poi ha spiegato “Quello che però abbiamo in mente di fare e che abbiamo già programmato è una riduzione significativa delle spese”

“In generale vogliamo diminuire i costi della nostra azienda nei prossimi tre anni. Per quanto riguarda la F1, invece, sappiamo tutti che è uno sport estremamente costoso e proprio per questo la riduzione sarà maggiore rispetto al resto” ha concluso Källenius che aveva già annunciato anche un aumento della presenza di AMG in Formula Uno dal prossimo anno.

Seguici su Telegram, FacebookInstagramTwitter.

F1 | Resta: “In progettazione un nuovo retrotreno”. Nessun dissidio con Binotto