F1 | Kubica: “Avevo firmato un contratto con Ferrari per il 2012”

Robert Kubica ha dichiarato di aver firmato un contratto per correre con la Ferrari nel 2012, prima del drammatico incidente nel Rally di Andora. Il polacco avrebbe sostituito Felipe Massa alla guida della Rossa, avendo come compagno di squadra Fernando Alonso. “Subito dopo l’incidente non soffrivo per il mancato trasferimento in Ferrari, oggi ripensarci fa male.”

Robert Kubica, Williams FW41 – Foto: Glenn Dunbar/Williams F1

Robert Kubica, terzo pilota Williams, ha suscitato grande stupore con il suo ritorno in Formula 1. Lo scorso anno, alla guida della Renault ha effettuato a Budapest il primo test dopo un’assenza di 7 anni.

Il terribile incidente al Rally di Andora del 2011 causò gravi ferite al polacco, troncando in maniera netta il prosieguo della sua carriera come pilota di Formula 1.

Si è pensato a lungo che Kubica avesse un accordo per passare dalla Renault alla Ferrari per la stagione 2012, ma tutto ciò non era mai stato ufficialmente riconosciuto in pubblico da nessuna delle due parti.

L’ammissione del contratto firmato con Domenicali

Parlando al podcast ufficiale della F1, Kubica ha rivelato alcuni retroscena sul maledetto evento che ha compromesso la sua carriera in Formula 1. Il pilota polacco ha raccontato di aver preso in considerazione l’idea di rinunciare dall’evento di Andora, ma non volle deludere la squadra che gli aveva dato quell’opportunità.

“Ero anche consapevole del fatto che la squadra per la quale avrei guidato l’anno successivo, non mi avrebbe permesso di partecipare ai rally”,;ha proseguito Kubica.

Pressato dal conduttore Tom Clarkson sul fatto che avesse firmato per Ferrari, come compagno di squadra di Fernando Alonso nel 2012, Kubica ha risposto in maniera affermativa.

Kubica ha rivelato di aver firmato un contratto con l’allora team principal della Ferrari, Stefano Domenicali, e che avrebbe guadagnato meno soldi rispetto al contratto con Renault.

“Il primo obiettivo di un pilota è quello di entrare in Formula 1. Il secondo è quello di affermarsi in Formula 1, quindi mostrare il proprio valore, conquistarsi una buona reputazione, che è più difficile rispetto ad entrare. In terzo luogo, vincere un campionato del mondo o diventare un pilota della Ferrari. Non ho vinto un campionato del mondo, alla fine non sono diventato un pilota della Ferrari, ma ci sono andato molto vicino.”


Il rally per migliorare come pilota di Formula 1

Kubica ha dichiarato che la consapevolezza di non essersi più trasferito in Ferrari non gli ha reso più difficile il recupero dopo l’incidente. Tuttavia, ha ammesso che questo fatto lo fa soffrire di più oggi.

“Il mio recupero è stato così difficile che per i primi 16-18 mesi il;mancato trasferimento in Ferrari non mi ha fatto male”,  ha detto Kubica. “Stavo combattendo, mi stavo concentrando sulla ripresa, stavo attraversando un periodo difficile. Più tempo passava, più diventava difficile, perché la speranza che le cose possano essere risolte scompare.” 

Robert Kubica – Foto: Williams

“Ci sono stati momenti in cui mi stavo riprendendo straordinariamente bene. Poi c’erano stati mesi in cui gli interventi sono andati male e sono tornato indietro di sei mesi invece di migliorare. E ‘stato doloroso non correre in Formula 1, ma  sapere che avrei corso per la Ferrari non mi dava altra sofferenza.”

Kubica ha rivelato che non si stava dedicando al rally per puro divertimento e si era messo in gioco in quella disciplina perché aveva “il desiderio di diventare un pilota più completo, di trovare qualcosa che gli altri non avessero o che potessi migliorare”.  

“Non ero felice di essere bravo quanto lo ero allora”, ha detto Kubica. “Avevo bisogno di qualcosa in più, e pensavo che il rally mi avrebbe dato questo. E mi ha dato ciò. Il problema è che ho pagato un prezzo troppo alto”. 

Formula 1 | Scaduto (senza contratto) il termine ultimo per il Gran Premio di Miami 2019

F1 | Kubica: “Avevo firmato un contratto con Ferrari per il 2012”
Lascia un voto
mm

Emanuele Di Meo

Laureando in Ingegneria Meccanica con una grande passione per la Formula 1. Seguo con particolare interesse anche la Formula 2. Admin della pagina Instagram @vuliusgp.