F1| La F1 potrebbe nominare lo “Sprint Champion” nel 2022

La F1 discuterà di altre eventuali modifiche alla Sprint race per la stagione 2022, tra cui la nomina dello “Sprint Champion”. Il nuovo format ha debuttato quest’anno, ma non piace a tutti i fan della F1. Per il prossimo anno sono previsti sei eventi.

campione sprint race 2022
Credits F1

La F1 sta pensando di nominare uno “Sprint Champion” nel 2022. Dopo il Gran Premio del Brasile, la F1 analizzerà le eventuali modifiche al format della Sprint Race.

La Sprint Race non sta mettendo d’accordo tutti i fan, leggendo i risultati di sondaggio ufficiale. Su oltre 167.000 spettatori di F1 il 40% concorda sul fatto che le qualifiche sprint “hanno migliorato lo spettacolo” mentre il 34% non è d’accordo.

La Formula 1 prevede di tenere sei eventi sprint l’anno prossimo, come ha confermato Ross Brown, direttore della F1.

In linea di principio abbiamo concordato con i team che guarderemo a sei eventi per il prossimo anno” ha dichiarato in un’intervista a RaceFans.

Brown ha ammesso che stanno pensando di creare un premio per lo “Sprint Champion“: “Sì, penso che sia una possibilità“.

Penso che, come avete visto con Crypto, siamo stati in grado di portare un nuovo partner commerciale che era in parte intorno alla sprint, quindi potrebbe essere un aspetto molto attraente per i partner commerciali“, ha aggiunto.

Tuttavia Brawn ha sottolineato che qualsiasi modifica al formato non deve sminuire il Gran Premio di domenica. “Il trucco è sempre quello di assicurarsi che non cannibalizzeremo mai l’evento principale”, ha detto.

La gara di domenica è l’evento principale. È il Gran Premio: vogliamo migliorarlo e non cannibalizzarlo. Quindi, qualunque cosa facciamo, siamo consapevoli di non sminuire l’evento domenicale. Quindi, se facessimo qualcosa, dovrebbe essere preso in considerazione. Ma è un’opzione“.


Leggi anche: F1| Marko: “Verstappen potrebbe avere 50 punti in più”


Ross Brown ha elencato le potenziali modifiche al format che saranno oggetto di valutazione.

Ci sono alcune cose che sono sul tavolo per la discussione“, ha detto Brawn. “La pole position il venerdì, molti non hanno apprezzato il fatto che non ci fosse. Inoltre, bisogna trovare il nome per l’evento, perché tutti lo chiamiamo gara, ma non lo è. Le va assegnato un nome. E poi forse la distribuzione dei punti per rendere il sabato più impegnativo e invitante per i piloti. Quindi, queste sono elementi presenti nella nostra agenda da discutere con la FIA e le squadre.

Dopo il Brasile, ci sarà un altro incontro. Abbiamo avuto un primo incontro molto positivo, dopo il Brasile inizieremo a sistemare i dettagli“.

“Personalmente mi piacerebbe vedere un ritorno della pole position. Queste cose sono decise con la FIA e le squadre. Sicuramente penso che molti vorrebbero la pole position di venerdì. Quindi è qualcosa che spero possa esserci il prossimo anno“.

Nella qualificazione Sprint attualmente vengono assegnati tre punti  al vincitore, due per il secondo e uno per il terzo. Brawn vorrebbe aumentare il numero massimo di punti offerti e assegnare punti a più piloti.

Rivedremo l’assegnazione dei punti, avevamo proposto qualcosa intorno al terzo dei punti. Questa era la proposta iniziale che non è stata accolta perché la sensazione era che dovevamo vedere come funziona il format sprint prima di assegnare i punti”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.