F1 | La Ferrari ed un motore ritrovato: guadagnati oltre 40 cavalli?

Risolto uno dei principali problemi di Ferrari? Secondo quanto emerso dai rumors nel paddock, il motore di Maranello avrebbe guadagnato oltre 40 cavalli.

motore ferrari 40 cavalli

I test in Bahrain hanno mostrato una Ferrari chiusa in un cauto riserbo riguardo le prestazioni della nuova SF21 testata nel weekend da Leclerc e dal nuovo arrivato Sainz. Da Maranello filtra un pacato ottimismo sulla potenza del motore Ferrari che, secondo quanto riportato dal giornalista Giuliano Duchessa, avrebbe guadagnato oltre 40 cavalli.

Nonostante un team piuttosto reticente nelle dichiarazioni alla stampa, Mattia Binotto ha parlato a Sky: La velocità sui rettilinei non è più un problema“. Il team principal della Scuderia ha mostrato fiducia nella correlazione dati-pista e nella velocità massima, senza tuttavia esporsi troppo.

Nei tre giorni di test i due piloti del Cavallino si sono divisi la nuova monoposto modenese concludendo il weekend con 404 giri completati e con il miglior rilievo cronometrico fissato da Sainz la domenica pomeriggio in 1:29.611 su gomma C4.

La SF21, deciso passo avanti rispetto alla SF1000, non viene annoverata dagli inglesi tra le monoposto più performanti. Il sito TheRace.com, in una propria classifica, posiziona la nuova Rossa come sesta forza. Buone nuove tuttavia giungono da Maranello lato potenza: come già riportato, sarebbero più di 40 i cavalli guadagnati dal motore Ferrari nel confronto con il 2020. A preoccupare potrebbe però essere l’affidabilità, nonostante i motorizzati Ferrari non siano stati quelli con più problemi nello scorso weekend.

Quanto apprendiamo da Duchessa è certamente un’ottima notizia per il team italiano, che potrebbe contare su una power unit nuovamente all’altezza. Capiremo il reale valore della nuova Ferrari al primo gran premio stagionale in Bahrain, appuntamento fissato a domenica 28 marzo.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.