F1 | La Ferrari sbaglia ancora il timing in qualifica e Leclerc sbotta: la trascrizione dei team radio

La Ferrari, nelle qualifiche di ieri, ha sbagliato ancora una volta a guidare Leclerc nell’out lap, condannandolo ad effettuare il proprio giro lanciato subito dietro gli scarichi di Kvyat: andiamo a leggere insieme la trascrizione dei team radio, tra comunicazioni errate e gli sfoghi di Leclerc.

Leclerc Team Radio Russia
GP RUSSIA F1/2020 – SABATO 26/09/2020
credit: @Scuderia Ferrari Press Office

Quanto capitato sul finire del Q2 in Russia ha davvero dell’assurdo. La bandiera rossa sventolata a causa del crash di Sebastian Vettel ha obbligato le squadre a ripartire dai propri box con un margine di soli 122 secondi per completare l’out lap: sebbene questa non fosse una situazione nuova ai team – che da Monza 2019 hanno avuto modo più volte di imparare a gestire giri di uscita al limite – alcune squadre hanno avuto non poche difficoltà a controllare il poco tempo a disposizione, Ferrari in particolar modo. Leclerc Team Radio Russia

Quanto successo nel box di Maranello rasenta l’imbarazzo. Dai box hanno comunicato a Leclerc informazioni errate – nel segno dell’eccessiva prudenza — condannando Leclerc a completare un giro di qualifica a pochi metri dal posteriore dell’AlphaTauri.  Ma andiamo a leggere la trascrizione dei team radio al fine di comprendere esattamente cosa è accaduto.

La trascrizione dei team radio

Le vetture sono in coda all’uscita dei box, Leclerc è tra i primi: davanti ha Kvyat, dietro Ocon.

Box Ferrari a Leclerc: “Ok, 20 secondi”

Box Ferrari a Leclerc: “Verde, verde. Vai”.

Leclerc inizia il proprio out lap: il margine è superiore ai due minuti, ma in Ferrari avvisano Leclerc che il tempo stringe

Box Ferrari a Leclerc: “Ok, dobbiamo provare a superare Kvyat”

Box Ferrari a Leclerc: “Abbiamo un margine di zero secondi. Zero margine. Spingi più che puoi”

Leclerc al box Ferrari: “Va bene, faccio così”.

Il margine, all’inizio del giro, non era di zero secondi.

Leclerc Team Radio Russia
La distanza tra Kvyat e Leclerc nel giro out

Leclerc spinge per l’intero out lap: a poche curve dalla fine del giro c’i sarebbe il tempo per allontanarsi da Kvyat, ma in Ferrari sono di diverso avviso

Box Ferrari a Leclerc: “Mode push, continua a spingere. Abbiamo due secondi di margine

Pensando di avere solo due secondi per tagliare la linea del traguardo ed iniziare il proprio giro di qualifica, Leclerc sceglie di provare a segnare il crono subito dietro alla vettura di Kvyat, inconsapevole che in realtà i secondi rimanenti erano otto. Con otto secondi di margine, Leclerc avrebbe potuto prendersi spazio dalla vettura che lo precedeva con estrema calma. Leclerc Team Radio Russia

Leclerc Team Radio Russia
La distanza tra Kvyat e Leclerc nel giro cronometrato
Leclerc decide di abortire il giro e scopre che il margine era maggiore rispetto a quello che gli era stato comunicato: scatta la rabbia per il monegasco

Leclerc al box Ferrari: “Ma che diavolo ragazzi, erano più di due secondi!! AARGH.”

Box Ferrari a Leclerc: “Attento alle vetture dietro di te che stanno spingendo”

Leclerc allibito: “Sì, ma come è possibile che stiano spingendo? Erano lontanissimi da me”. Se i secondi di margine fossero stati veramente due, infatti, Ocon e le vetture che lo precedevano non avrebbero avuto il tempo di iniziare il proprio giro di qualifica.

In Ferrari ammettano, con una piccola bugia, la propria colpa: “Avevamo sei secondi di margine” [invece di otto, ndr,]”

Leclerc si infuria visibilmente, sfogandosi a suon di gesti mentre riportava la propria vettura al garage.

La rabbia di Leclerc è stata più che legittimata: lanciarsi subito dietro agli scarichi di Kvyat ha impedito al monegasco di migliorare il proprio crono, finendo così per essere escluso dal Q3 in 11° posizione. Quanto accaduto, come abbiamo visto, era totalmente evitabile.

Un errore figlio dell’eccessiva prudenza, ma la Formula 1 non funziona così

Come ben sappiamo, la F1 è uno sport in cui il tempo gioca un ruolo fondamentale. Quanto accaduto ieri mette a nudo le insicurezze di una squadra che, dopo numerosi errori commessi negli ultimi anni, è nella condizione di avere paura di sbagliare. In Ferrari, terrorizzati dall’idea che Leclerc potesse non fare in tempo ad iniziare il proprio giro cronometrato, hanno optato per un approccio eccessivamente prudente, comunicando informazioni volutamente sbagliate al fine di spingere Leclerc.

Basta un rapido paragone con Mercedes per apprezzare al meglio la differenza di mentalità attuale tra le due squadre: Hamilton, che era addirittura alle spalle di Leclerc ( e quindi con meno tempo a disposizione), ha ricevuto con costanza informazioni precise e puntuali dal proprio ingegnere di pista: così facendo, l’inglese ha avuto modo di gestire adeguatamente il gap rispetto alla Renault che lo precedeva, tagliando il traguardo con soli otto decimi di margine. 

Seguici anche su Instagram

F1 | GP Russia 2020 – Segui la gara in diretta [LIVE]

 

 

 

 

 

 

 

Davide Galli

Studente di giurisprudenza e appassionatissimo fin dall’infanzia di Formula 1. Amo qualunque cosa faccia "bruum"