F1 | La FIA punta a togliere il “Party Mode” in qualifica

La FIA ha intenzione di togliere del tutto la così detta “Party Mode” in qualifica, ovvero quell’aumento di prestazione che si vede tra Q1 e Q3.

SILVERSTONE, UNITED KINGDOM – AUGUST 08: Pole Sitter Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1 with the Pirelli pole Position Award during the 70th Anniversary GP at Silverstone on Saturday August 08, 2020 in Northamptonshire, United Kingdom. (Copyright Free for Editorial Use Only. Credit: FIA Pool / LAT Images)

Come abbiamo visto negli ultimi anni Mercedes, e altri costruttori di motori, trovano spesso in qualifica un aumento di performance tra la prima sessione di qualifica e l’ultima. Questo è dovuto ad una mappatura estrema dei motori chiamata “Party Mode”. Mappatura che porta ad un aumento significante delle prestazioni sul giro singolo ma che non può poi essere usata in gara. La FIA sta lavorando proprio per togliere questa modalità dal 2021 con nuove limitazioni nei regolamenti.

La Mercedes è il team che ha investito e sviluppato meglio in questa zona negli ultimi anni. Basta guardare il distacco tra loro e Red Bull nelle qualifiche e poi in gara. Quest’anno la differenza si nota ancora di più, ad esempio Verstappen nel GP di Gran Bretagna si è preso oltre 1 secondo mentre in gara era sui 5 decimi a giro. Questo è dovuto appunto a questa modalità che spinge al limite il motore. Consumando carburante e stressando le componenti al limite, per questo può essere utilizzata solo per il giro secco.

La scelta FIA per limitare questa modalità

La FIA descrive in una lettera l’intenzione di fermarne l’utilizzo mettendo delle limitazioni nel 2021. L’idea sarebbe quella di limitare i Team all’utilizzo della stessa mappatura sia in gara che in qualifica. questo come detto prima porterebbe Mercedes a dover utilizzare la mappatura del motore da gara vista l’insostenibilità del “Party Mode” per più di un giro. Queste limitazioni potrebbero essere inserite all’interno del regolamento del parco chiuso che blocca i cambiamenti tra le 2 sessioni.

Max Verstappen che tra l’altro ha già affermato che la differenza maggiore tra Red Bull e Mercedes è proprio questa modalità da qualifica. “Penso che abbiano qualche cosa in più con la mappatura da qualifica. In gara riusciamo invece ad essere più vicini“. Aveva detto settimana scorsa.

FIA che dunque lavorerà a questa soluzione per il 2021 mentre nel frattempo deve esprimersi sulla questione Racing Point dopo il recente appello Ferrari e Renault.

Seguici anche su Instagram

 

F1 | GP Spagna – Vettel: “Curioso di capire quali sensazioni mi darà l’auto”