La FIA rafforza il potere di Michael Masi: nominato arbitro unico della F1. Ma è una burla!

Nella giornata del 28 dicembre 2021 è girata la notizia di Michael Masi nominato arbitro unico della Formula 1. Si tratta però di una burla per ricordare il giorno dei Santi Innocenti.

Masi arbitro
credits dal web

A sorpresa Michael Masi è diventato l’ arbitro unico della Formula 1. Il nuovo presidente FIA, Mohammed Ben Sulayem, al momento dell’insediamento, aveva promesso una rapida e completa indagine su quanto accaduto ad Abu Dhabi.

Diversi addetti ai lavori pensavano che Michael Masi sarebbe stato rimosso dal suo incarico. Circolavano voci secondo cui Mercedes avesse deciso di ritirare  il suo ricorso su quanto accaduto ad Abu Dhabi in cambio della rimozione di Masi dal suo ruolo. Sicuramente nel Circus in molto concordavano che alcuni assistenti avrebbero dovuto affiancare Masi.

Ricordiamo che lo stesso Todt, al momento di lasciare il ruolo di presidente FIA, aveva auspicato l’introduzione di misure appropriate per evitare questo tipo di problemi in futuro. La FIA avrebbe dovuto occuparsi della nuova formulazione del Codice Sportivo e del regolamento sanzionatorio.

Ben Sulayem ha spiegato la scelta di nominare Michael Masi arbitro unico. Tale decisione è stata condivisa con i membri del FIA World Motor Sports Council

In quasi tutti gli sport c’è un solo arbitro per partita. Questa figura prende le decisioni e queste sono inappellabili. Forse dovremmo intraprendere questa strada. Non può essere che ore dopo una gara il risultato sia incerto

L’organismo della FIA vede un’unica eccezione “nei casi di infrazioni tecniche, in quanto queste vengono rilevate solo dopo la verifica post-gara“.

I commissari sportivi agirebbero come un ‘comitato di gara‘, stabilendo sanzioni da adempiere successivamente, posizioni di partenza nel prossimo Gran Premio o sospensione per una o più gare. Questi commissari non avrebbero alcun ruolo nel prendere decisioni durante la gara.


Leggi anche: F1 | Wolff spiega il silenzio di Hamilton dopo Abu Dhabi


Le novità che potrebbero essere introdotte

Allo stesso modo, saranno vietate le comunicazioni tra le squadre e la Direzione di Gara. Solo Masi avrà il potere di parlare con loro per informarli della decisione presa.

Nonostante non sia stato ancora confermato, sembra che tra le modifiche al Codice Sportivo Internazionale ci sia un inasprimento delle sanzioni di tempo, in gran parte sostituito dal ‘drive-through’.

I cinque secondi di sanzione che si usa infliggere in molte occasioni sono inefficaci. Il sanzionato ha mano libera per cercare di recuperare quel tempo in pista, come ha fatto Lewis Hamilton a Silverstone. Al contrario, se la sanzione è un ‘drive-through’, una o più posizioni potrebbero andare perse. La persona sanzionata andrà poi a recuperarle“, ha commentato una fonte della FIA al quotidiano online spagnolo, SoyMotor.com.

Verrà anche meglio regolamentato il modo in cui i piloti dovranno restituire la posizione quando qualcuno sorpassa fuori pista o illegittimamente. Il motivo è che non si vuole rivedere quello che è successo in Arabia Saudita tra Max Verstappen e Hamilton.  Max Verstappen aveva cercato di cedere la posizione ad Hamilton in un punto dove l’olandese avrebbe potuto usare subito il suo DRS per effettuare di nuovo il sorpasso. Una delle possibilità prese in considerazione è che la persona sanzionata non possa utilizzare il DRS fino a dopo due giri dal punto in cui è stata restituita la posizione.

Fonte: SoyMotor.com

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

Victoria L.

Laureata in Comunicazione, lavoro in una media company. Appassionata di Formula 1, la seguo dal Gran Premio di Jerez 1997.