F1 | La Formula 1 reagisce alle parole di Hamilton sul razzismo

Dopo le parole di Lewis Hamilton anche altri piloti hanno voluto commentare quanto sta accadendo negli Stati Uniti.

Formula 1 razzismo
Foto metropolitan

Uno dei lati positivi dell’essere popolari è la possibilità di sensibilizzare i propri fan su importanti temi di attualità. Lewis Hamilton si è da sempre dimostrato molto sensibile a eventi come l’inquinamento ambientale, il Coronavirus o gli incendi che hanno devastato l’Australia pochi mesi fa. Proprio per questo non poteva non commentare quanto sta accadendo negli ultimi giorni in America a seguito della morte di George Floyd. Ha deciso di farlo attraverso Instagram, criticando senza giri di parole il silenzio del mondo della Formula 1 sul tema del razzismo e scatenando la reazione di molti piloti che hanno voluto commentare la situazione.

Tra questi spicca senza dubbio Charles Leclerc. Il monegasco della Ferrari, usando lo stesso canale social di Hamilton, ha esternato il suo pensiero riguardo gli eventi che si stanno verificando in America.

“Ad esser sincero, mi sono sentito fuori luogo e a disagio nel condividere sui social i miei pensieri riguardo l’intera situazione e per questo non mi sono espresso ieri. Ho sbagliato. Non riesco ancora a trovare le giuste parole per descrivere l’atrocità di alcun video che ho visto su internet. Il razzismo deve essere fronteggiato con le azioni, non con il silenzio. Siate attivi, coinvolgete gli altri. È una nostra responsabilità attaccare le ingiustizie. Non rimanete in silenzio”.

View this post on Instagram

We all have a voice to speak up for what’s right – and until now I didn’t know how to use mine in this situation. To echo @charles_leclerc’s words, I just felt out of place sharing my thoughts on these atrocities publicly. I struggle to comprehend what I’m seeing in the news and on social media right now – and honestly, I still can’t find the words to express how it makes me feel. But ultimately, no matter how uncomfortable it may be to speak out, silence achieves nothing. Now more than ever, we need peace and equality in this world. It’s time we all stand together and kick racism out of our societies for good. Use your voice, spread awareness as far as you can. We’re all responsible for ending the injustice. #blacklivesmatter

A post shared by George Russell (@georgerussell63) on

Alle parole di Leclerc sul tema del razzismo si sono uniti anche altri piloti di Formula 1 come Russell, Latifi, Norris, Ricciardo e Sainz. Queste le parole del pilota spagnolo della McLaren:

“I problemi che ci troviamo ad affrontare in questi giorni ci fanno pensare di essere tornati indietro nel tempo. È assurdo pensare a ciò che sta accadendo. Abbiamo tutti lo stesso sangue. Per quanto riguarda il nostro ambiente, siamo uno sport globale, con dipendenti e tifosi provenienti da tutto il mondo. Lavoriamo in grande armonia, mandando messaggi di sportività e compattezza. Condanno assolutamente ogni forma di razzismo e ingiustizia. Spero possano farlo tutti un giorno”.

Seguici anche su Instagram

F1 | Imola e Mugello candidate per il secondo GP in Italia