F1 | La lunga lettera di Latifi contro le critiche: “Dopo Abu Dhabi ho ricevuto minacce sui social media”

Latifi, dopo oltre una settimana di allontanamento dai social, risponde agli insulti ricevuti dopo l’incidente di Abu Dhabi.Latifi social Abu dhabi

Latifi, dopo oltre una settimana di allontanamento dai social, risponde agli insulti ricevuti dopo l’incidente di Abu Dhabi.

Sono stato lontano da social– si legge nella nota del pilota Williams – per riflettere su quanto accaduto nell’ultimo GP. Ho ricevuto migliaia di messaggi, alcuni con parole di supporto e altri carichi di odio e violenza. Ho subito capito cosa sarebbe successo sui social e il fatto che la miglior cosa che potessi fare fosse eliminare le app di Instagram e Twitter parla chiaro su quanto cattive possano essere le persone sul web. È bastato un incidente nel momento sbagliato per far perdere il controllo scatenando i commenti. Sono rimasto sconcertato dalle parole di odio, violenza e persino dalle minacce di morte ricevute. Scuse? Gli unici con cui devo farlo sono i ragazzi del mio team. Qualcuno ha detto che lottavo per una posizione che non contava nulla, ma finché sarò in macchina darò il massimo, sia in lotta per una vittoria, sia per un podio, un punto o per l’ultima posizione. Per fortuna, sto bene con me stesso e sono in questo mondo da un tempo abbastanza lungo per lasciarmi scivolare addosso la negatività”.


Leggi anche

F1 | Tanabe: “Honda non ha mai smesso di credere nel progetto F1”


Il tema cyberbullismo

Lo sport è per sua natura un settore competitivo, ma dovrebbe unirci e non dividerci. Non possiamo restare in silenzio dinanzi a queste situazioni. Se, sottolineando queste cose e invitando la gente a reagire, avrò aiutato anche soltanto una persona, allora ne sarà valsa la pena. Spero questa mia esperienza di Abu Dhabi possa essere utile. Il mio proposito per l’anno nuovo è di combattere queste cose. Siate tutti più gentili. Voglio augurarvi buone feste, restate al sicuro. Non vedo l’ora di tornare in pista per il 2022”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.