F1 | La nuova vita di Lando Norris, fra libri e palestra

Lando Norris racconta di come abbia deciso di modificare le proprie abitudini per affrontare la nuova stagione di F1, con meno videogiochi e più allenamento.

F1 Lando Norris

La stagione di F1 2021 si prospettava fin da subito estremamente competitiva, e Lando Norris ha deciso di non voler arrivare impreparato. Il ventunenne britannico quest’anno ha deciso di dare una svolta alle proprie abitudini di vita, finora incentrate molto su videogiochi e streaming. La passione per il virtual infatti, ha portato Norris a fondare Quadrant, una piattaforma che combina l’amore per il gioco e quello per le corse.

Durante il lockdown, il britnannico ha speso molto tempo sui social, interagendo spesso con i suoi fan e rimanendo attivo anche durante lo stop delle gare. Alla ripresa del campionato di F1 però, Lando Norris si è reso conto della necessità di dare una svolta alle proprie abitudini, riducendo il tempo speso sui videogiochi.

Leggi Anche:

Classifica MotoGP, Moto2 e Moto3 dopo il GP di Stiria in Austria

“Prima viaggiavo sempre con il mio laptop e la mia PlayStation. Ora preferisco farlo con un libro. È qualcosa che non avrei mai pensato di fare!”, ha spiegato il pilota a The Sun. “Ho capito che la cosa migliore per me è uscire, giocare a golf e fare cose del genere quando sono lontano dalla F1. Ho capito l’importanza di uscire a cena con gli amici”, ha aggiunto il pilota, che ha così confermato di aver messo un po’ da parte i videogiochi.

“Gioco ancora, ovviamente, c’è ancora un bambino in me che ama i giochi. Ma la mia mentalità è cambiata e ho iniziato a godermi di più la vita”, ha continuato il pilota.

Norris poi, parla anche dell’importanza della palestra, per poter raggiungere il livello di forma fisica dei suoi avversari:

“Non credo di avere il volume degli altri piloti di F1, ma sto lavorando su questo aspetto più di prima”. E spiega di aver sentito quel bisogno quando si è reso conto che “ho un deficit di prestazione quando chino la testa… la mia vista impazzisce. E a Silverstone c’erano molti piloti che chinavano la testa dopo pochi giri”.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Desirée Palombelli

Classe 1999, aspirante giornalista. Studio Relazioni Internazionali a Roma e scrivo di Formula 1.