F1 | La Red Bull realizza il primo pit stop a zero gravità

In Russia il team Red Bull ha eseguito un pit stop in assenza di gravità. Ha utilizzato la RB1 perchè più leggera e stretta rispetto ai modelli più recenti.

red bull pit stop gravità
Credits Red Bull

Dopo aver eseguito il pit stop più veloce della storia in questa stagione, la Red Bull ha battuto un altro record: è diventata la prima squadra a completare un pit stop a gravità zero.

Grazie alla collaborazione dell’agenzia spaziale russa Roscosmos, il Team ha portato la vettura RB1 del 2005 al Yuri Gagarin Cosmonaut Training Center di Star City.

Su un set su misura, ospitato all’interno della fusoliera dell’aereo, una parte del team si è sottoposto a una settimana di addestramento cosmonauta per prepararsi al pitstop a zero gravità. Ha completato una serie di voli, ciascuno costituito da una serie di parabole – con l’aereo che sale ad un angolo di 45 gradi, per poi cadere in una balistica arco a 45 gradi – dando all’equipaggio un periodo di assenza di peso della durata di circa 22 secondi prima della salita successiva.

La prima parabola che abbiamo fatto è stata molto strana“, ha raccontato il meccanico Paul Knight. “Niente può prepararti, così i nostri istruttori Roscosmos ci hanno detto di sederci semplicemente e abituarci all’esperienza. Non c’è sensazione di salire o scendere; arrampicata a 2g, con il doppio del peso corporeo normale si sente come essere piantato nel terreno e si lotta per muoversi. Poi quella sensazione si inverte quando si va oltre la parte superiore e in caduta libera. Ci hanno tenuto giù per impedirci di galleggiare via! È un’esperienza straordinaria, come niente che tu possa immaginare.”

Il team ha scelto di portare il RB1 del 2005 in Russia per la sfida, piuttosto che il trasporto di una monoposto di oggi. La  vettura del 2005, che è stata ridipinta nell’attuale livrea per il viaggio, ha avuto diversi vantaggi rispetto ai suoi successori.

Abbiamo preso la RB1 perché leggera” dice Marcus Prosser, capo del marchio e degli eventi, che ha colto l’opportunità mettersi di nuovo dietro una pistola a ruote. “Abbiamo costruito un set piuttosto complesso, nascondendo tutte le rotaie per le luci e le telecamere. Lo spazio era un premio e avere un’auto più stretta ci ha dato un po’ più di manovrabilità all’interno della fusoliera.”

Red Bull non è il primo team di F1 ad aver messo un’auto a zero gravità. Nel 1999, David Coulthard sperimentò la gravità zero con una McLaren come parte di una promozione per l’allora sponsor del titolo West.

Seguici su Instagram

F1 | La FIA interviene nuovamente: obbligatorio un secondo flussometro sulle vetture

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.