Categorie: Formula 1 Marco

F1 | La revisione della penalità a Vettel sarà affidata a Gerd Ensser, lo steward che ha proposto lo STOP/GO di 10 secondi

Non sono rosee le aspettative della Ferrari in merito ad una possibile richiesta di revisione. Come dichiarato da Toto Wolff, il capo degli steward potrebbe inasprire la sanzione al pilota tedesco della Ferrari. Revisione Ferrari

Gino Rosato calma Vettel dopo la gara e lo convince a salire sul podio – Foto: Paul Chiasson / dpa

La Scuderia Ferrari ha ancora una settimana per presentare la richiesta di revisione alla FIA dopo la penalità che ha privato Sebastian Vettel della prima vittoria stagionale nel Gran Premio del Canada.

Tramontata quasi immediatamente la possibilità di un ricorso, l’unica previsione normativa che potrebbe dare possibilità a Ferrari di evitare l’impasse burocratico è quella prevista all’art. 14 dell’International Sporting Code, che definisce il cosiddetto “right of review”. Risulta infatti consentito alle parti presentare nuovi elementi probatori, se sorti dopo la decisione degli steward o non prima reperibili.

Come da regolamento la revisione toccherà ad uno dei commissari che ha deciso di penalizzare e in particolare Gerd Ennser, il capo del collegio dei commissari che si è riunito nel weekend canadese.

Siamo tutti annoiati senza i nostri sport preferiti, ma solo collaborando ANDRÀ TUTTO BENE. Se non è indispensabile, RESTA A CASA!
Gern Ennser è uno dei membri del comitato esecutivo del DMSB per il motorsport in germania e steward in Formula 1 e DTM.

Gerd Ennser ha combinato la sua formazione in materie giuridiche con la passione per le corse automobilistiche. Il Dr. Ennser ha avuto qualche esperienza come pilota quando ha iniziato ad aiutare il dipartimento legale di una società automobilistica e dal 2006 è stato commissario permanente per ogni appuntamento del campionato tedesco DTM.
L’avvocato tedesco è entrato a far parte degli steward di Formula 1 nel 2010.

Dopo le polemiche sulla decisione di penalizzare Vettel, il commissario tedesco aveva dichiarato al giornale austriaco Kleine Zeitung che i 5 secondi erano la penalità più lieve per manovre del genere.

“La penalità di 5 secondi per Sebastian Vettel è la penalità minima che può essere data per una manovra del genere durante le gare. Eravamo tutti d’accordo su questa penalità anche se ci sarebbero potuto essere delle sanzioni ancora più severe come 10 o 20 secondi o anche uno stop/go di 10 secondi.”

Anche se a Maranello hanno confermato di voler richiedere la revisione, la Ferrari non ha ancora presentato una richiesta formale.

Seguici anche su Instagram

F1| Toto Wolff avverte la Ferrari: “Rischia un aumento della sanzione, chiedendo la revisione”

Condividi

Ingegnere Gestionale appassionato di Formula 1. Social Media Manager dal 2009 con la voglia di trasmettere la mia passione per il motorsport.

Disqus Comments Loading...

Articoli Recenti

Il messaggio di Alex Zanardi durante l’emergenza Coronavirus: “C’è sempre una lezione da imparare”

Se c'è una persona che, nella propria vita, è stata in grado di rialzarsi nonostante le grandi prove a cui…

3 ore fa

MotoGP | Iannone sorpreso dalla condanna per doping

Andrea Iannone, in seguito alla squalifica per doping inflitta dal tribunale della FIM, è intervenuto su Sky Sport 24 dichiarando…

8 ore fa

MotoGP | Rivola annuncia il ricorso di Aprilia contro la squalifica a Iannone

Il CEO di Aprilia Massimo Rivola ha definito "assurda" la condanna a 18 mesi di sospensione inflitta ad Andrea Iannone…

9 ore fa

Rubrica Fellon | Il Pentamerone della F1: Giorno 3

Appuntamento numero 3 del Pentamerone della F1! La rubrica nella rubrica che basandosi sul capolavoro di Giovanni Boccaccio assegna ad…

10 ore fa

F1 | UFFICIALE: Aston Martin torna in Formula 1.

Adesso è ufficiale. Nel 2021 l’Aston Martin tornerà in Formula 1, continuando a lavorare dal quartier generale di Silverstone. Nella…

10 ore fa

MotoGP | Iannone sospeso 18 mesi per doping

La Federmoto internazionale condanna il pilota di Vasto. Iannone sospeso per doping fino al 21 giugno 2021, ma i giudici…

11 ore fa

Questo sito si serve dei cookie di per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico.