F1 | La vaccinazione contro il Covid-19 sarà obbligatoria nel paddock

La Formula 1 renderà obbligatoria la vaccinazione per tutto il personale del paddock in questa stagione, senza eccezioni. vaccinazione obbligatoria paddock

La Formula 1 renderà obbligatoria la vaccinazione per tutto il personale del paddock in questa stagione, senza eccezioni. Tutto il personale che lavora in Formula 1 dovrà essere vaccinato per entrare nei luoghi riservati, ha appreso il Times. La FIA vieterà a qualsiasi pilota non vaccinato, di gareggiare nei weekend di gara. I diversi membri del paddock saranno obbligati a esibire il certificato di vaccinazione come prova.

Queste regole devono essere seguite anche dalle celebrità che parteciperanno come ospiti alle gare. A questo punto della pandemia, molti dei Paesi in calendario hanno già fatto della vaccinazione un requisito essenziale per varcare i propri confini e la Formula 1, che quest’anno corre in più Paesi che mai, ha deciso di seguire questa strada. Tutti i piloti sono vaccinati, quindi non c’è da preoccuparsi che qualcuno di loro salti la prima gara per questo motivo. Tuttavia, alcune squadre avevano lasciato i propri dipendenti liberi di vaccinarsi o meno e ora devono assicurarsi che tutto il loro personale abbia il vaccino in modo che possano viaggiare.


Leggi anche

F1 | Test Barcellona 2022: Mercedes farà entrare 4 appassionati nel suo garage


Il World Motor Sports Council ha già votato alla fine dello scorso anno sull’idea della vaccinazione obbligatoria. Il Times condivide anche che l’obbligo di vaccinazione potrebbe causare un leggero allentamento dei protocolli all’interno del paddock. Questo può far scomparire il sistema a bolle che è stato seguito negli ultimi mesi, dal momento che la Formula 1 diventerà un’unica bolla. In questo modo sarà possibile socializzare maggiormente all’interno del paddock, anche se i movimenti al di fuori di esso continueranno ad essere limitati.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.