A TCFormula 1

F1 | Leclerc, che incubo i freni: Xavi Marcos spiega in team radio

I freni impongono a Leclerc una prima parte di gara horror: nel team radio conclusivo Xavi Marcos spiega il problema, prima dell’intervento di Vasseur.

La notte del Bahrain è più buia per Charles Leclerc, almeno nelle prime battute di gara, quando il monegasco è costretto a fronteggiare alcuni problemi ai freni.

f1 bahrain ferrari freni leclerc vasseur team radio tr xavi marcos sakhir gp gara formula 1
Foto: F1inGenerale.com – Copertina: F1inGenerale.com – GP Bahrain: Leclerc quarto dopo i problemi ai freni.

Non è un avvio di mondiale facile per Charles Leclerc. Pronti, via: sin dai primissimi giri di gara l’alfiere della rossa appare tutto meno che a proprio agio nella sua SF-24. Il ferrarista si fa subito sfilare dall’inglese Russell, prima di intraprendere la personale battaglia con i freni della Ferrari.

I bloccaggi si moltiplicano durante le fasi iniziali di gara e con essi anche lunghi e tempi poco appetibili. Leclerc fatica specialmente in curva 10, dove la conformazione del tracciato impone una staccata a volante piegato con l’anteriore carico. Le lamentele giungono nelle cuffie di Xavi Marcos a più riprese durante la corsa bahreinita e, a fine gara, Leclerc chiede all’ingegnere: “Che cosa è successo?!”


Leggi anche: F1 | Cos’è il “pulling”, il problema ai freni che ha falcidiato la gara di Leclerc in Bahrain


I freni non hanno dato pace a Charles, che ha riportato grandi difficoltà durante le staccate: “Quando freno la macchina tira tutta verso destra!”, ha esclamato in team radio nel giro 18.

Xavi Marcos dopo l’esposizione della bandiera a scacchi ha provato a spiegare la probabile causa dell’incoveniente. “Notiamo uno squilibrio tra le temperature dell’anteriore sinistra e dell’anteriore destra, quindi vediamo ‘pulling‘ in frenata”.

A questo punto l’ingegnere spagnolo del #16 è interrotto da Frédéric Vasseur. Il team principal della Ferrari si affretta e chiude la conversazione sul tema con un risolutivo “ti spieghiamo dopo”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter