F1 | Leclerc sulle qualifiche sprint: “Divertenti, ma le qualifiche devono decidere la griglia di partenza”

Leclerc approva il nuovo format delle qualifiche sprint, anche se ci sono molti dettagli da sistemare. Le qualifiche, secondo il monegasco, dovrebbero decidere la griglia di partenza per la gara.

Leclerc qualifiche sprint

La Formula 1 si trova di fronte allo sviluppo di un cambiamento epocale, le sprint qualifying. Un nuovo format che potrebbe cambiare la struttura di un weekend di gara. Al venerdì prendono luogo le FP1 e le qualifiche, al sabato le FP2 e le qualifiche sprint, che decideranno la griglia di partenza per la gara di domenica.


Leggi anche:

Sprint qualifying: svelati gli orari per il GP d’Italia.


Il format è stato testato per la prima volta al GP di Silverstone, con un feedback molto positivo dalla maggior parte dei piloti, oltre a tante critiche. Charles Leclerc, in particolare, ha fin da subito approvato le qualifiche sprint, che rendono il weekend molto più dinamico. Secondo il monegasco, le sprint qualifying si rivelerebbero un cambiamento molto positivo se fosse una gara a parte, e non una sessione che decide la griglia di partenza.

L’opinione di Leclerc sulle qualifiche sprint.

Un aspetto molto positivo per il pubblico è la riduzione del tempo per le prove libere, con l’azione in pista che comincia già dal venerdì. Ecco cosa ne pensa Leclerc: “Mi è piaciuto molto. Onestamente, quando salgo in macchina il venerdì, non vedo l’ora che finisca la giornata. Ora abbiamo un venerdì in cui le FP1 devono essere sfruttate al massimo e subito dopo le qualifiche. Poi arriva la qualifica sprint e la domenica una grande gara! Però se devo dare la mia opinione, proporrei le qualifiche prima della gara. Il format deve essere rivisto ma ha un ottimo margine di miglioramento. Magari al sabato fai una gara, ma mantieni la posizione che hai ottenuto in qualifica.”

L’opinione di Norris sulle sprint qualifying.

A supportare Leclerc si aggiunge Lando Norris, che ha apprezzato la riduzione delle prove libere: “Weekend molto bello, simile alle Formula minori. Si tratta di un test per i piloti e gli ingegneri, che devono perfezionare tutti dettagli il più velocemente possibile. E’ bello gareggiare, ma non è una cosa che farei ogni weekend di gara. L’importante è che piaccia ai fan, l’opinione di noi piloti poco importa. La cosa sicura è che le prove libere sono sempre noiose, forse solo le FP3 sono un po’ più vivaci.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

Maira Osto

Autrice presso F1inGenerale, mi occupo di Formula 1. Tifosissima di Sebastian Vettel e alfista dalla nascita, possiedo una pagina instagram proprio sulla F1. Seguitemi tutti su @singing.of.engines !