F1 | L’esortazione di Bernie Ecclestone: “Torniamo ai motori aspirati!”

Tornare ai motori aspirati per un maggiore intrattenimento e minori costi: questa è la ricetta proposta da Bernie Ecclestone per la F1.

motori aspirati f1 ecclestone

Il tema dei propulsori genera sempre grande interesse e dibattito. A riguardo è intervenuto anche Bernie Ecclestone, papà della F1 moderna e boss del Circus fino all’avvento di Liberty Media: il britannico, mai banale nelle sue dichiarazioni, ha esortato la Formula 1 a tornare ai vecchi motori aspirati.

Il nodo riguardante l’eventuale congelamento delle power unit nel 2022 sarà presto sciolto. Bernie Ecclestone tuttavia sprona la F1 a tornare ai motori V8 aspirati in attesa di capire la strada che il Circus vorrà intraprendere nei nuovi regolamenti 2026.

Il britannico sostiene lo scarso appeal dei propulsori attuali: “Mi metterò nei guai per quello che sto per dire, ma torniamo ai vecchi motori aspirati!”.

Tutti li hanno avuti ed i costi sarebbero inferiori, avremmo un grande sound. Potremmo usarli per cinque anni mentre cerchiamo una soluzione per i motori del futuro”, continua l’inglese a MotorSport Magazine.

“La Formula 1 non deve essere rilevante per l’industria dell’automobile. La gente dimentica che la F1 è nel settore dell’intrattenimento e quando smetti di divertirti, finisce il business“.

A sostegno della propria tesi Ecclestone porta l’attuale dibattito sul congelamento dei motori. Con la partenza di Honda, a Milton Keynes vorrebbero mantenere e sviluppare autonomamente il propulsore nipponico. Tuttavia, se la proposta dovesse essere bocciata, la Red Bull si troverebbe con un grande problema.

“La Honda sta lasciando il Circus. Red Bull prenderà il loro motore, ma funzionerà solo se gli altri acconsentiranno a congelare lo sviluppo, dice Ecclestone.

“In caso contrario, solo Dio sa quanto dovranno spendere a Milton Keynes per andare avanti. Liberiamoci di questi stupidi motori che abbiamo adesso”.

Alle persone sugli spalti non interessa quanto i motori siano efficienti, il carburante usato o la potenza“, ha concluso l’ex boss della F1.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Analisi fine stagione 2020 – Ferrari, tra sofferenza ed insofferenza

 

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.