F1 | Lewis Hamilton: “Se Verstappen fosse mio compagno e lo battessi, si direbbe che imbroglio”

Lewis Hamilton, fresco di settimo mondiale, ha parlato di un’ipotetica sfida con Verstappen a parità di auto, ritornando anche sulla rivalità con Alonso nel 2007.

lewis hamilton verstappen

Intervistato dalla rivista GQ, il sette volte campione del mondo Lewis Hamilton ha parlato a ruota libera: da un ipotetico duello con Max Verstappen a parità di monoposto, fino alla sfida con Alonso ai tempi della McLaren, quando era ancora solamente un giovane di belle speranze.

La vittoria su suolo turco ha consegnato al britannico il settimo titolo iridato e la leggenda. Ora Hamilton e Schumacher, in quanto a mondiali vinti, sono sullo stesso gradino, e chissà che l’anno prossimo non possa esserci il sorpasso.

Al 35enne di Stevenage la domanda è stata chiara: “Pensi di aver raggiunto i tuoi limiti? Ti piacerebbe correre a parità di mezzo con tutti, senza alcun vantaggio?”

Hamilton e la consapevolezza di sé

A tale quesito Lewis Hamilton ha così risposto: “Prima di tutto, da un punto di vista della guida, quando guido mi sto rendendo conto che sto diventando più forte“.

“Le mie capacità stanno diventando più acute, dalla comprensione della strategia fino al feeling con le gomme. Sto diventando più forte e non me l’aspettavo”, ha dichiarato il pilota della Mercedes.

Inoltre, il britannico ha così affermato: “I risultati però non arrivano senza il duro lavoro, non è un caso se sto guidando in questo modo“.

“Se battessi Verstappen in Mercedes direbbero che imbroglio”

Dopo la discussione sulle proprie abilità, il campione del team di Brackley ha proseguito rispondendo alla seconda parte di domanda.

“Nella F1 attuale il divario tra i team è presente. Le persone cercano di svalutare i miei risultati a causa della vettura che guido, ha detto l’inglese.

“Per questo, senza dubbio, mi piacerebbe che tutti corressimo con lo stesso mezzo in una pista che ti permetta di correre sul serio, e poi vedremo chi è il migliore”.


“Per fare un esempio, io ho battuto Alonso nell’anno del mio esordio in Formula 1. Avevo 22 anni – ha ricordato Lewis – ero un novellino, eppure finii davanti a lui in campionato”.

Infine il campione in carica si è soffermato sulla F1 attuale: “Anche oggi, sai, si parla di Max. Ad esempio, probabilmente non succederà mai, ma se io e Verstappen fossimo compagni di squadra in Mercedes e lo battessi, la gente direbbe: <<Oh, è truccato>>, ha concluso Lewis Hamilton a GQ.

Le parole del britannico non mostrano certamente umiltà anzi, dimostrano come Hamilton abbia piena fiducia nelle proprie capacità: cosa ne pensate delle sue dichiarazioni?

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Lewis Hamilton: “Mercedes unica. Ferrari mai stata un’opzione concreta”

 

 

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.