F1 | Line-up 2021: i 20 piloti al via del prossimo mondiale

Nel campionato di Formula 1 che inizierà nel prossimo mese di marzo in Australia, saranno ben ben 8 i cambi di sedile rispetto alla stagione appena conclusa e le novità non finiscono qui. F1 piloti line-up 2021.

F1 piloti line-up 2021
Credit: Autosprint – Corriere dello Sport

Sarà un mondiale di Formula 1 pieno zeppo di novità per quanto concerne i 20 piloti che vedremo in pista. Si può tranquillamente parlare di rivoluzione perché saranno solo 12 i piloti che conserveranno il sedile di cui erano già in possesso nel 2020 a fronte di ben 8 cambi. F1 piloti line-up 2021.

Gli unici team che hanno confermato in toto la propria line-up sono Mercedes, Alfa Romeo e Williams. A dirla tutta, Lewis Hamilton non ha ancora prolungato il suo accordo con la Mercedes. Tutto però lascia intendere che il prossimo 21 marzo a Melbourne, il sette volte campione del mondo sarà a bordo della sua Mercedes per iniziare la caccia al titolo numero otto.

Saranno dunque 7 le scuderie che annovereranno almeno un nuovo pilota tra i propri ranghi. A dare il via al clamoroso effetto domino ci ha pensato la Ferrari che lo scorso 12 maggio ha deciso di mettere alla porta Sebastian Vettel alla conclusione del contratto in scadenza alla fine del 2020. A Maranello, il quattro volte campione del mondo sarà sostituito da Carlos Sainz, che insieme a Charles Leclerc comporrà la più giovane coppia che la Ferrari abbia mai avuto negli ultimi 50 anni.

In McLaren, il volante che è stato finora dello spagnolo verrà preso da Daniel Ricciardo. Proprio la scuderia di Woking sarà una delle più attese nel 2021. La coppia Ricciardo-Norris si preannuncia più esplosiva che mai e dopo il terzo posto nel mondiale costruttori ed il ritorno della power unit Mercedes, ci si aspetta un ulteriore salto di qualità.

Alla Renault, che l’hanno prossimo diventerà Alpine, ci sarà Fernando Alonso a condividere il box con Esteban Ocon. Lo spagnolo, che nel prossimo luglio spegnerà 40 candeline, torna così nella categoria regina dopo due anni trascorsi tra Le Mans, Dakar e 500 Miglia di Indianapolis.

Anche la Racing Point cambierà nome. Lawrence Stroll, proprietario della scuderia di Silverstone, è ormai da qualche mese il maggior azionista dell’Aston Martin. Il magnate canadese ha così deciso di riportare lo storico marchio in Formula 1. Sarà un ritorno in grande stile, perché ad affiancare suo figlio ci sarà Sebastian Vettel che si è legato al team inglese con un contratto pluriennale.

Cambio totale di filosofia per la Haas. Il team americano fin dal suo ingresso in Formula 1 ha sempre prediletto i piloti esperti, puntando spesso sulla continuità. Soprattutto aveva sempre scelto i piloti in autonomia, chiudendo le porte ad un eventuale approdo di un pilota della Ferrari Driver Academy.

Quest’anno invece tutti questi capisaldi sono venuti meno. Il team diretto da Gunther Steiner punterà su due giovani provenienti dalla Formula 2 ed uno dei sedili è stato selezionato dalla Ferrari. Sarà così il campione della categoria cadetta Mick Schumacher a far coppia con il russo Nikita Mazepin.

Della griglia farà parte un terzo pilota proveniente dalla Formula 2: trattasi di Yuki Tsunoda. Il giapponese del Red Bull Junior Team e protetto della Honda viene da una grande stagione di debutto nella serie cadetta nella quale è giunto terzo. Sarà il primo pilota del 2000 a prendere parte ad un gran premio. Come da tradizione, la Red Bull farà debuttare il suo giovane pilota nel team cliente AlphaTauri dove potrà giovare dell’esperienza di un compagno di squadra del calibro di Pierre Gasly.

L’ultimo sedile, rimasto libero solo fino a pochi giorni fa, è stato proprio quello della Red Bull. Helmut Marko ha infatti atteso il termine della stagione per decidere chi avrebbe affiancato Max Verstappen. Anche all’interno del team anglo-austriaco hanno optato per un cambio di filosofia.

Finora a Milton Keynes avevano sempre scelto un pilota che aveva prima fatto la trafila nello Junior Team ed in seguito debuttato in Formula 1 in Toro Rosso, oggi AlphaTauri. Per il 2021, per la prima volta dai tempi di Mark Webber,;la Red Bull ha deciso di affidare una vettura ad un pilota non appartenente al proprio mondo.

Dopo un lungo ballottaggio fra Alexander Albon, Nico Hulkenberg e Sergio Perez, a prevalere con pieno merito è stato il messicano. Perez viene da ottime annate in cui si è sempre messo alle spalle il proprio compagno di squadra. Nel 2020 ha raggiunto la piena maturità, conquistando la prima vittoria in carriera ed avrà finalmente l’occasione di misurarsi in un top team.

 

Credit: F1inGenerale

Lewis Hamilton non ha ancora rinnovato il suo contratto con la Mercedes.
La durata del contratto di Lance Stroll è ignota.
Sebastian Vettel, Mick Schumamcher e Nikita Mazepin hanno firmato dei contratti pluriennali con i rispettivi team, la cui durata non è però stata rivelata.

 

F1 | Haas – Steiner valuta provvedimenti “che rimarranno privati” per Mazepin

mm

Elia Aliberti

Classe 1994, studente di ingegneria meccanica. Appassionatosi alla Formula 1 ed al motorsport fin da tenera età, sulle orme dei trionfi di Schumacher e della Ferrari