A TCFormula 1Interviste

F1 | Ma quale anno di transizione? La risposta di Vasseur ai dubbi sulla Ferrari SF-24

Frédéric Vasseur è sicuro che il 2024 non sarà un anno di transizione per la Ferrari SF-24 in F1, già attaccata dalla stampa internazionale.

Il 2024 non sarà un anno di transizione per la Ferrari SF-24 in F1, parola di Frédéric Vasseur. Il team principal di Maranello risponde già dalla conferenza stampa di martedì alle critiche che sarebbero poi sopraggiunte. La stampa inglese è già convinta dell’inevitabile fallimento della prossima campagna Mondiale del Cavallino Rampante, eppure i giudizi sembrano fin troppo affrettati.

F1 Vasseur Ferrari anno di transizione SF-24
La nuova Ferrari SF-24 vista al tramonto – @ScuderiaFerrari on X

Finite le presentazioni, è tempo di scendere in pista. I primi – ed unici – test prestagionali sono in programma dal 21 al 23 febbraio, quando potremo finalmente avere apparente contezza dei valori in campo. Se Red Bull ha già sbaragliato la concorrenza secondo tanto gli ingegneri da divano quanto gli analisti più autorevoli, a Maranello ribadiscono: nel 2024 si punta a vincere.

La prossima non sarà una stagione di transizione – ha affermato con decisione Frédéric Vasseur in conferenza stampa – Sarà un anno importante e sono pienamente concentrato di esso. È il miglior modo per prepararsi a ciò che verrà: vogliamo fare bene nel 2024, vogliamo vincere delle gare, continuare sulla strada intrapresa nel 2023, senza pensare al 2025“.


Leggi anche: F1 | Perché certe monoposto peggiorano durante l’inverno?


Frasi che si adattano bene a quanto dichiarato anche da Charles Leclerc. Il monegasco ha piena fiducia nel progetto di una SF-24 “nata bene”, sin dai primi giri a Fiorano. Nonostante nessun evidente concept rivoluzionario visibile sulla scocca, a Maranello si è lavorato sodo sulla meccanica della monoposto, con l’obiettivo di renderla più guidabile e delicata sulla gomme.

Il Bahrein ci dirà dove siamo – conclude VasseurSi tratta sempre di paragonare il lavoro fatto a quello degli altri. Guadagnare due secondi ti fa passare per stupido se, intanto, gli altri ne guadagnano tre. Se saremo in grado di vincere delle gare, però, saremo anche in una posizione migliore per competere per il Mondiale. Le due cose sono collegate“.

Foto Copertina: Scuderia Ferrari

Seguici in Live Streaming su kick.com/f1ingenerale