F1 | Marko: “Mai preso in considerazione Russell in Red Bull per il 2021”

Helmut Marko ha raccontato i retroscena dietro la scelta della line up Red Bull del 2021: George Russell non è mai stato preso in considerazione per sostituire Alex Albon. Oltre a prendere la decisione di chiamare Perez in Red Bull, Marko è stato determinante nel promuovere Yuki Tsunoda dalla Formula 2 ad AlphaTauri.

russell marko red bull
Dal web

Helmut Marko ha dichiarato, in un’intervista esclusiva ad Autosport, che la Red Bull non ha mai pensato a George Russell come compagno di squadra di Max Verstappen nel 2021.

Il mese scorso, quando ancora non era stata ufficializzata la coppia di piloti Red Bull del 2021, si erano rincorse varie voci, tra cui l’approdo di Russell nel team di Marko.

Ha un contratto decennale con Toto Wolff. È un Mercedes juniores. Stavamo cercando una soluzione provvisoria per un anno. Perez è l’opzione migliore”, ha spiegato Marko.

Per Marko non c’era dubbio che Russell fosse un buon pilota. Nel Gran Premio di Sakhir 2020, Russell ha sostituito il malato Hamilton alla guida della Mercedes, dimostrando il suo grande talento.

Russell è un giovane intelligente e veloce“, ha aggiunto Marko. “Il suo impegno per la Mercedes è stato fantastico. Ma allo stesso tempo, Bottas non era in forma, quindi non c’è stato davvero un confronto valido”.

Bottas ha messo insieme un tale schifo dal primo giro di venerdì, ha fatto molto peggio rispetto al solito.”

La promozione di Tsunoda in F1 all’Alpha Tauri

Oltre a prendere la decisione di chiamare Perez in Red Bull, Marko è stato determinante nel promuovere Yuki Tsunoda dalla Formula 2 ad AlphaTauri.

Marko ha elogiato le prestazioni del giapponese nella stagione di F2 da rookie. Si aspetta cose buone da lui in F1 il prossimo anno.

Tsunoda è stato l’unico pilota di Formula 2 che ha finito continuamente tra i primi cinque in ogni gara“, ha detto. “È stato solo a causa di difetti tecnici e alcuni incidenti che non è riuscito a vincere il campionato. E questo nel suo anno da rookie”.

È caratterizzato da un’incredibile velocità di base e da una fase di presa e apprendimento molto, molto rapida”.

Se hai guardato nelle ultime gare, ha trattenuto all’inizio delle gare fino a quando tutto è stato mezzo ordinato, ha risparmiato le gomme e poi ha attaccato. Questo è stato un super mix tra essere aggressivo e guidare con la testa.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Sainz difende la Ferrari: “Non è un team che divora i piloti, io voglio avere il mio ciclo Maranello”

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.