F1 | Masi: “Criticare i commissari è inaccettabile”

Michael Masi ha difeso i commissari dopo le dure critiche mosse nei loro confronti dal team principal Red Bull, Christian Horner

Masi commissari

Il direttore della F1, Michael Masi, si è schierato dalla parte dei commissari dopo i commenti negativi di Horner. Il team principal Red Bull, infatti, ha pesantemente criticato il commissario che ha esposto la doppia bandiera gialla, che è costata la penalità a Verstappen.

A seguito dei suoi commenti, Horner, è stato richiamato dalla FIA e si è poi scusato. Masi ha considerato molto grave la posizione di Horner, in quanto un capo squadra non dovrebbe criticare delle persone fondamentali per la F1. A maggior ragione, pensando che i commissari sono volontari che stanno eseguendo il loro lavoro.


Leggi anche: F1 | Bottas sul Qatar: “La mia macchina non era come quella di Hamilton”


Michael Masi ha affermato: “Penso che nessuno dovrebbe essere attaccato. Soprattutto quando hai migliaia di commissari volontari in tutto il mondo, che investono molto tempo. Senza di loro questo sport che tutti amano così tanto non potrebbe essere celebrato.”

Masi, inoltre, sottolinea il fatto che i commissari stiano svolgendo il loro lavoro, e quanto questo sia importante per la F1.

“Tutti trascorrono gran parte del loro tempo. Senza di loro, non avremmo sport. È la parte che molte persone dimenticano e difenderò qualsiasi commissario e volontario in qualsiasi circuito del mondo. Queste critiche non possono essere accettate.

Infine, Masi ha chiarito che le bandiere gialle sono di competenza degli steward: “Per quanto riguarda le bandiere gialle che vengono esposte in pista, è nelle mani degli steward, come in ogni circuito. Spetta a loro decidere se è singolo o doppio, spetta ai commissari decidere. Giudicano quello che vedono.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter