F1 | Masi: “Non abbiamo investigato il contatto Leclerc-Gasly perchè non ce n’era bisogno”

Michael Masi ha spiegato perchè il suo team non abbia investigato il contatto Leclerc-Gasly nel primo giro del GP di Stiria.Masi Gasly Leclerc

Il direttore di gara della Formula 1 Michael Masi afferma che non è stato necessario indagare sul contatto tra Charles Leclerc e Pierre Gasly, che ha posto fine alla gara del pilota AlphaTauri. I due si sono incontrati mentre acceleravano in curva 1 al primo giro della gara. Quando Gasly si è avvicinato alla Ferrari, Leclerc si è spostato dietro di lui, ma ha colpito la gomma posteriore sinistra del francese. Ciò ha causato una foratura e il conseguente danno che ha posto fine alla gara di Gasly. Il pilota dell’AlphaTauri ha avuto un ulteriore contatto alla curva 3 con Antonio Giovinazzi e Nicholas Latifi. Masi ha affermato che il contatto tra Gasly e Leclerc è “visto come un contatto in preparazione al successivo incidente“. Il contatto è stato ritenuto un tipico incidente da primo giro di un GP. Considerata tutta la situazione, Masi lo ha considerato, ma questo non ha portato ad altre indagini. Leclerc ha avuto una gara movimentata che ha incluso ulteriori contatti con Kimi Raikkonen e Fernando Alonso. Masi crede che l’incidente con Gasly sia avvenuto perché i piloti hanno scelto lo stesso momento per posizionarsi dietro altri rivali.


Leggi anche

F1 | GP Stiria – Wolff: “Non porteremo più aggiornamenti quest’anno, pensiamo al 2022”


Le parole di Leclerc e Gasly

Leclerc nel motorhome Alpha Tauri

“Fondamentalmente, ero alla sinistra di Pierre, penso che stesse cercando di prendere la scia dei ragazzi che erano leggermente alla sua sinistra, è andato a sinistra nello stesso momento in cui stavo cercando di mettermi dietro di lui e abbiamo avuto un contatto. Contatto molto piccolo, ma poi ha avuto grandi conseguenze per entrambi. Leclerc ha danneggiato la sua ala anteriore nell’incidente e ha dovuto fermarsi ai box per una sostituzione, ma è arrivato settimo.
Gasly ha detto che una penalità per il suo rivale non avrebbe fatto alcuna differenza per la sua gara. “Alla fine della giornata non mi interessa molto perché la nostra gara era già finita quindi non cambierà nulla se c’è una penalità o meno. Ma ovviamente sono molto deluso perché la macchina è andata bene per tutto il fine settimana, abbiamo avuto un’ottima qualità e penso che ci fosse una buona opportunità per ottenere grandi punti. Ho fatto la prima parte del giro con quattro gomme e poi il resto del giro sono stato con tre o due”, ha aggiunto. “È stato un piccolo contatto con Charles, poi la gomma è esplosa e basta. Molto frustrante, ma purtroppo sono cose che possono capitare a tutti in quelle situazioni.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.