Formula 1

F1 | Massa: l’esito della causa legale contro la FIA è già scritto

Felipe Massa ha intentato una causa per ottenere un risarcimento danni dalla FIA ma l’esito pare già scritto.

Felipe Massa e la FIA. Un contenzioso, con in palio l’esito di un mondiale, quello 2008, che è destinato a decidersi tra le aule di un Tribunale.

Il brasiliano, infatti, ha deciso di rivolgersi alla Corte di Appello della FIA per vedersi riconoscere un risarcimento danni a causa di quello che, secondo la tesi dei suoi avvocati, sarebbe un mondiale falsato.

Eppure, l’esito della causa rischia di essere già deciso in partenza.

FIA Massa
Massa fa causa alla FIA ma l’esito pare già scritto. Credits: XBP Images

Il precedente che inchioda Massa:

Campionato GT Open 2023. Quinto round, Red Bull Ring. La pessima gestione della Safety Car fa si che il team Motopark, leader prima dell’entrata in pista della vettura di sicurezza, si veda clamorosamente svantaggiato. 

La squadra decide, così, di fare appello al Tribunale della FIA. Nel corso della causa, gli organizzatori del campionato hanno optato per l’annullamento dei risultati della corsa.

Un potere che, secondo la FIA, gli organizzatori non hanno. “Né gli steward né gli organizzatori hanno il potere di annullare l’esito della corsa“, spiega infatti la Federazione.

Tale potere, infatti, è riservato solamente al Tribunale Internazionale della Federazione, che può provvedervi in caso di richiesta di un team. 


Leggi anche: F1 | Ferrari – Bearman e l’errore con il volante a comandi invertiti di Sainz


E proprio questa circostanza potrebbe veder naufragare le speranze di Massa. Nessuna squadra, infatti, ha protestato avverso l’esito dell’edizione 2008 del GP di Singapore. Di conseguenza la Federazione non avrebbe potuto annullare i risultati della corsa d’ufficio.

Allo stesso modo, come detto, il Regolamento impedisce agli organizzatori e agli steward di intervenire sull’esito di una corsa.

Le speranze di Massa sono ormai ridottissime. Seppur vero che Ecclestone, all’epoca a guida della FOM, ha ammesso di essere a conoscenza dello scandalo “crashgate”, l’assenza di una previsione nel Regolamento che permetta di rivedere i risultati di una corsa in un caso simile pare deporre verso un definitivo fallimento dell’azione legale del brasiliano.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.