F1 | Mauro Forghieri: “Vettel meritava più rispetto dalla Ferrari”

Secondo Mauro Forghieri: “Enzo Ferrari avrebbe dato più rispetto a Vettel”. L’ingegnere italiano, ex direttore tecnico del team di Maranello dagli anni ’60 agli anni ’80, ha infatti parlato in un’intervista del periodo di difficoltà che sta attraversando la Ferrari e della gestione, sicuramente non perfetta, dei piloti.

Ferrari ForghieriFonte: Motori-Fanpage

“Enzo Ferrari avrebbe trattato Vettel con più rispetto” parola di Mauro Forghieri. L’ex direttore tecnico del team di Maranello ha infatti parlato in un’intervista della situazione della Ferrari. Non è sicuramente una novità che per la Rossa non sia uno dei periodi migliori.

Prestazioni decisamente deludenti in pista, problemi tecnici e difficoltà interne sono oramai un ritornello già conosciuto. A questo si aggiunge la gestione dei piloti, non esattamente perfetta che ha fatto discutere molti.

Dopo l’annuncio dell’addio Vettel-Ferrari, infatti, lo stesso pilota tedesco aveva ammesso di non aver ricevuto nessuna proposta da parte della scuderia. Una separazione, dunque, voluta solo dal team italiano che ha deciso di puntare tutto sul giovanissimo Leclerc blindandolo con un contratto di ben cinque anni.

A parlare della questione è stato anche Mauro Forghieri, ex direttore tecnico della Rossa dal 1962 al 1971 e dal 1973 al 1984. Sotto la sua guida sono passati campioni che hanno fatto la storia del team italiano. Da Surtees a Ickx fino ad arrivare ad Andretti, Regazzoni, Lauda, Villeneuve, Scheckter e Alboreto. Una lista lunghissima che dimostra gli anni di esperienza fatti in F1.

A mio parere la gestione dei piloti non è stata ottima. Leclerc per esempio ha sicuramente molto talento ma è ancora molto giovane. Credo che sia sbagliato dare così tante responsabilità ad un ragazzo della sua età” ha spiegato Forghieri che ha poi precisato: “E poi c’è anche Vettel. Si meritava, a mio parere molto più rispetto”

Spesso ad Enzo Ferrari vengono attribuite frasi ed idee false ma io che l’ho conosciuto veramente posso dire che non si sarebbe comportato così. Avrebbe sicuramente gestito la separazione tra il tedesco ed il team in maniera diversa”.

L’ex direttore tecnico ha poi parlato del periodo nero in casa Ferrari. “Sono convinto che il problema all’interno del team non sono i soldi ma le risorse umane. Deve migliorare la struttura tecnica e lo deve fare in fretta”

Per quanto riguarda Binotto so quanto è difficile il ruolo che ha. C’è tantissima pressione e ogni errore è un macigno. Ecco perché è fondamentale circondarsi di persone in grado di affiancarti ed aiutarti. Ci vogliono altre persone, persone nuove con capacità che al momento non ci sono”

Seguici su Telegram, FacebookInstagramTwitter.

IndyCar | 500 miglia di Indianapolis – Il Carb Day va alla McLaren di Pato O’Ward